flat nuke

Urlo della scuola- 23-24 febbraio

appuntamenti.png
1. Venerdì 23 Marzo la giornata di mobilitazione per la Scuola Bene Comune verrà conclusa dalle radio di Popolare Network che intorno alle 18,35, al termine del radiogiornale trasmetteranno Pinocchio (la rilettura di Paolo Poli) in contemporanea su tutto il territorio nazionale.
Invito tutti e tutte coloro che hanno iniziative pubbliche in corso a quell'ora di portarsi una radio e di alzare il volume.

 

 
  SCARICALI



http://www.radiopopolare.it/ascoltaci/network/le-radio-del-network/

 

2. E’ PREVISTO ANCHE UN COLLEGAMENTO CON LA TRASMISSIONE “CATERPILLAR” ed un servizio del TG3

3. LE ADESIONI SONO TANTISSIME: migliaia di persone e centinaia di Associazioni, comitati ecc.

Tra le nuove adesioni di ieri:

Dario Fo (premio Nobel per la letteratura), Franca Rame (attrice), Stefano Benni (scrittore), Alessandra Sarchi(scrittrice), Michele Santoro (giornalista), Grazia Verasani (scrittrice), Marco Travaglio (giornalista)  Amanda Sandrelli (attrice), Blas Roca Rey (attore), Ilaria Maria Sala(giornalista)



 www.urlodellascuola.it/


L'urlo della scuola pubblica di Mirko Pieralisi, Bologna

Ci sono persone che di parole vivono, che dalle parole apprendono e che
parole insegnano, ma c'è un momento in cui, dopo aver parlato tanto, hanno
l'impressione di non aver più parole. Allora, per un momento, rimane la sola
forza di urlare, per rabbia, per paura, per solitudine, per attirare
l'attenzione, per stanchezza, per mettere in guardia, per assordare chi non
vuole sentire.

Ecco perché tante maestre, professori, mamme e papà, studenti, venerdì 23
marzo a Bologna come in tante altre parti del paese urleranno.

Urleranno perché sono stanchi di ripetere che con le ultime riforme la
scuola pubblica ha perso qualità formativa.

Urleranno per rabbia, perché il lavoro quotidiano dei docenti dentro classi
sempre più ricche di tante storie diverse di provenienza viene irriso da
quattro luoghi comuni di qualche editorialista che probabilmente non ha mai
accompagnato il figlio a scuola.

Urleranno per la paura di perdere un pezzo della nostra Costituzione perché
la scuola della Repubblica è la più efficace istituzione in grado di
“rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di
fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno
sviluppo della persona umana” (art.3)

Urleranno per solitudine anche tanti genitori che sentono ogni giorno
politici che parlano di tutela o sacralità della famiglia mentre loro nella
vita quotidiana si sono visti rifiutare un posto al nido o non hanno più la
certezza di trovarlo in una scuola materna.

Urleranno tante e tanti insegnanti per attirare l’attenzione anche dei loro
maestri pedagogisti, da cui impararono il carattere fondante di una scuola
dell’Infanzia di qualità, da cui impararono che nella scuola dell’obbligo il
voto andava abolito perché fotografava l’esistente mentre il loro compito
era quello di contrastare la disuguaglianza per valorizzare le differenze,
mentre oggi si trovano di fronte contabili di governo o presunti esperti che
sembrano li vogliano riportare ai tempi dell’ “asilo” e della scuola che
sorvegliava e puniva, con il valore aggiunto e “moderno” aziendalistico dei
test cosiddetti oggettivi.

Urleranno anche perché sono stanchi di sentirsi dire che sono capaci di
protestare e non di fare proposte, quando ormai sono cinque anni e tre
governi che la legge di iniziativa popolare n.1600, frutto di un lavoro di
mesi di docenti e genitori e sostenuto da 100.000 firme raccolte davanti
alle scuole, giace inerte e inutilizzata in qualche cassetto di
Montecitorio.

Urleranno perché i loro figli e i loro alunni disabili hanno visto calare le
ore di sostegno, perché i figli e gli alunni più fragili hanno meno ore di
compresenza per il recupero e perché, senza di queste, laboratori e uscite
didattiche sono più una promessa che una pratica, perché a forza di
diminuire ore di scuola in 13 anni si perdono quasi 18 mesi di studio,
perché viene meno la stessa manutenzione ordinaria delle aule e degli
edifici.

Urleranno perché sono stanchi di ripetere che quando comanda la destra il
governo taglia sulla scuola pubblica, che quando vince il centro-sinistra
viene tagliata la scuola pubblica egualmente, che quando governano i
professori questi avvertono subito che tutti i tagli fatti sono giusti.

La scuola pubblica, ricordiamolo ancora, nella giornata dedicata alle
vittime della mafia, è il primo e massimo presidio democratico in grado di
assicurare uguaglianza di opportunità nella formazione delle nuove
generazioni. E’ la condizione essenziale affinché cittadini consapevoli,
competenti e coscienti dei propri diritti e dei propri doveri possano essere
protagonisti di una civile, intelligente “nuova primavera” della comunità
globale.

Per questo genitori, insegnanti e studenti urleranno il 23 anche qui, sotto
casa nostra, cioè a casa loro: sarà anche un urlo contro tutti coloro che
hanno fatto male alla scuola pubblica, ministri, economisti “neutrali”,
contro esperti di tutto e di niente, contro chi non fa abbastanza, perfino
contro di noi, perfino contro alcuni di loro stessi.

Il giorno dopo si ricomincia a costruire. Si riprende la pala e si scava,
sperando che quell’urlo abbia sortito qualche effetto.

23 e 24 Marzo: l’urlo di scuola e università

di Francesca Coin - 22 marzo 2012

“Il governo dei professori non è interessato alla scuola”: è questo l’urlo che aprirà la due giorni dedicata ad assemblee e dibattiti su scuola e università il 23 e 24 marzo a Bologna. Genitori, studenti, insegnanti, docenti, ricercatori strutturati e precari, assegnisti e dottorandi, e in generale tutti coloro che si sentono parte della “rete dei sensibili“, si incontreranno venerdì 23 marzo nelle scuole di tutte le città per riportare l’attenzione sullo stato di umiliazione in cui versa l’istruzione pubblica in Italia. Il programma è fitto, in particolare a Bologna, ove la due giorni inizia venerdì 23 Marzo alle 18 con un appuntamento pubblico in Piazza Nettuno, per proseguire sabato 24 con due assemblee. La Convenzione Nazionale per la Scuola Bene Comune: Pubblica, Capace, Accogliente, si terrà al Teatro Testoni dalle 10 alle 18, mentre in contemporanea l’Assemblea Nazionale Università Bene Comune si terrà in piazza Scaravilli, per poi confluire alle ore 21 al teatro Testoni, ove la serata si chiude con uno spettacolo musicale di Maurizio Cardillo, Gaspare Palmieri e Christian Grassilli, Bruno Stori, Andrea Rivera.

“La lista delle miserie è lunga”, dice Ambrogio Vitali, tra i più attivi organizzatori dell’Urlo, che giustamente preferisce porre l’accento sull’anima creativa delle due giornate: la due giorni della scuola coinvolge più di quaranta associazioni di genitori e insegnanti, ha raccolto migliaia di adesioni nel mondo della cultura, e ha già messo in campo un lavoro piuttosto lungo costituendo una Associazione  Nazionale “Una nuova primavera per la scuola pubblica”, “perchè molto futuro ancora deve venire al mondo”. Fatto sta che accanto a questa creatività gli bastano pochi dati per spiegare il problema: otto miliardi di tagli, sedici miliardi di finanziamento in meno rispetto alla media europea, tagli all’organico, al tempo pieno, alle ore di lezione, agli insegnanti di sostegno, ai libri, all’edilizia scolastica, alle fotocopie, per non parlare dei tagli in busta paga agli insegnanti, dell’Invalsi, del sovraffollamento scolastico. Insomma, paradossalmente la scuola raramente ha vissuto momenti tanto bui quanto oggi, durante il governo dei Professori. E non è la sola.

Da tempo, il paese dei “figli dei figli dei figli dei figli dei figli Michelangelo e Leonoardo”, come voleva un vecchio adagio americano, pare aver fatto a pugni con la cultura. Non entro nel merito del Fondo Unico per lo Spettacolo, né dei tagli alla cultura, che ben raccontano con quale perizia stia avvenendo lo smantellamento di uno dei più ricchi patrimoni artistici al mondo. Penso all’Università: l’Italia è al terzultimo posto su 34 paesi quanto a investimenti rispetto al Pil, nonostante sia il settimo paese al mondo per pubblicazioni scientifiche, e la deriva al ribasso non vede tregua: stando ai decreti 436437, ieri approvati dalla Commissione Cultura del Senato, gli scenari possibili parlano di un radicale blocco del reclutamento, della contrazione del numero di docenti (già tra i più bassi per studente), dell’aumento delle tasse universitarie, della contrazione del diritto allo studio, del taglio stesso degli atenei.

“Questo è il punto”, dice Maurizio Matteuzzi. “Il cosiddetto governo dei professori, entro il quale, sia detto in parentesi, non molti han fatto una lezione negli ultimi vent’anni, a tutto pensa per il rilancio del sistema-paese fuori che alla cosa più ovvia, l’investimento in ricerca e sviluppo. La cosa è tragicomica”, dice Matteuzzi. Effettivamente è tragica. Ultima per investimenti in ricerca e sviluppo, a guardare i dati non si capisce da dove dovrebbe venire la ripresa italiana, quando l’unica prospettiva è una politica basata sulla dequalificazione, i tagli, una certa demagogia. “Un buon artigiano non è un artigiano buono”, taglia la testa al toro Matteuzzi citando Aristotele. Effettivamente è così.

Fatto sta che mentre Bologna pullula di un’altra Italia, mi torna in mente un vecchio libro. Negli anni sessanta “Lettera a una Professoressa” già poneva chiaramente il problema del significato politico dell’esclusione scolastica. “La scuola ha un problema solo. I ragazzi che perde”, scrivevano a Barbiana nel 1976. “A questo punto gli unici incompetenti siete voi che li perdete e non tornate a cercarli”(p. 33). Oggi queste frasi sembrano anacronistiche, eppure è evidente che le riforme degli ultimi anni ci stanno riportando proprio lì, a un modello di scuola e università ad accesso ristretto, scandito da costi sempre più alti e numeri sempre più bassi. I ragazzi allora lo scrivevano chiaramente: questo libro non è per professori, “è un invito a organizzarsi”. Sia benvenuto l’Urlo di Bologna, dunque.
 

Pubblicato Giovedi 22 Marzo 2012 - 18:45 (letto 3346 volte)
Comment Commenti (11) Print Stampa

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 09:13

cheap prom dresses cheap prom dresses Jacqueline maternity wedding gowns maternity wedding gowns

avatarDa: Megan Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 11:29

fake watches for men fake watches for men, Mason, fake omega fake omega

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 13:10

replica watch replica watch, Vanessa, fake cartier fake cartier

avatarDa: Samantha Data: Venerdi 22 Giugno 2012 - 07:09

elegance and flatter her body figure. Cautiously pick the full length gown and make certain that it is perfectly tailored for your body. To make sure which you pick up the correct gown, you ought to spend some time deciding upon from many colors, styles, . and designs. Typically speaking, single colored long evening gowns of easy styles are suitable for solemn occasions while a gown in multicolor tones adorned with sparkling jewelry and embellishments will be the ideal outfit for posh fashion events. If you have no thought what kind of gowns would be appropriate for specific occasions short red dress . , it will by no means go wrong to opt for black lengthy evening dresses which can add timeless elegance and grace to your style and personality. In terms of the styles or styles, you must make the choice based on your body type and individual style. In case you are born with gorgeous collar bone and long neck, summer wedding dresses . you 8217;ll be able to go for strapless or one

avatarDa: Samantha Data: Martedi 24 Luglio 2012 - 14:21

cleanup mainly because the technologies utilized within the style indicates you require no shaving cream to obtain a easy shave with out requiring a sink and operating h2o. No extra cream, foam, gel, dripping brush, or watery mess to contend with as these razors don,t have to provide you with a near and clear shave fake rolex watches for women . cheap fake watches . . Norelco razors use a battery and are cordless, however they also perform immediately when plugged into an electrical outlet. The cordless function of those electrical shavers is what helps make them so handy fake rolex for sale . , and indicates you are able to even shave whilst within the auto driving to function. Norelco razors possess a battery backup function for your instances whenever you are away from residence, plus they also possess a battery indicator light that provides you an alert once

avatarDa: Leonard Data: Mercoledi 25 Luglio 2012 - 07:43

replica rolex replica rolex, Caleb, replica rolex usa

avatarDa: Leonard Data: Martedi 11 Settembre 2012 - 14:59

fake rolex watches for sale fake rolex watches for sale, Samuel, replica rolex perpetual date

avatarDa: samanth8a Data: Giovedi 18 Ottobre 2012 - 04:34

wedding guest dresses wedding guest dresses

avatarDa: samanth8a Data: Martedi 23 Ottobre 2012 - 05:06

replica rolex watches replica rolex watches Merrill replica bvlgari replica bvlgari

avatarDa: samanth8a Data: Venerdi 14 Dicembre 2012 - 06:25

mascot costumes mascot costumes Maurice Disney Costumes Disney Costumes

avatarDa: Megan Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 05:36

gebraucht brautkleider gebraucht brautkleider, rodney, [img]http://www.birthdress.net/images/thumbnails/dress-20/MX4898.jpg[/img]



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Incontro LIP- 27 ottobre- Parma (22/10/2017 - 17:56) letto 2397 volte
Read 25 Ottobre- Incontro Corale Verdi e altri appuntamenti settimana (24/10/2016 - 18:22) letto 2201 volte
Read Confronto Riforma Costituzionale- venerdì 21 ottobre- Parma (15/10/2016 - 15:37) letto 2083 volte
Read Festa della Costituzione- Parma 23-24 settembre (17/09/2016 - 10:20) letto 2513 volte
Read 10-12 giugno...iniziative! (08/06/2016 - 17:34) letto 2159 volte
Read Assemblea di presentazione quesiti referendari- Parma- 20 aprile 2016 (17/04/2016 - 09:23) letto 2465 volte
Read Aggiorniamo la LIP per vincere il referendum: all’abrogazione della legge 107 affianchiamo la nostra idea di una scuola diversa (14/03/2016 - 08:06) letto 2489 volte
Read 17 febbraio- Incontro pubblico Parma (29/01/2016 - 10:26) letto 2880 volte
Read Incontri nazionali 6 e 7 febbraio- Napoli (13/01/2016 - 10:29) letto 2375 volte
Read Assemblea 29 novembre- Roma (25/11/2015 - 10:14) letto 2497 volte
Read 23 Settembre- Assemblea a Parma e iniziative in tutt'Italia, nella notte dell'uguaglianza (17/09/2015 - 17:15) letto 2606 volte
Read Conclusioni e relazioni giornate 5-6 settembre a Bologna (12/09/2015 - 14:56) letto 2661 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
appuntamenti.png
 
Calendario
Data: 18/06/2024
Ora: 20:17
« Giugno 2024 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
Login





Choose your language:
deutsch english español français italiano português
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 2 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template