flat nuke

Gelmini: basta chiedere soldi alle famiglie

Ultimissime.png
Miur: Le scuole hanno le risorse. Basta chiederne alle famiglie

 

Basta con le vicende di scuole che non hanno soldi e domandano alle famiglie versamenti economici, perché al termine dell'anno scolastico 2009/10 le scuole statali vantavano complessivamente risorse finanziarie per quasi 883 milioni di euro superiori ai debiti non ancora pagati e perché nell'anno in corso il Ministero dell'Istruzione ha incrementato di 685 milioni di euro le risorse a disposizione delle scuole statali. Per questo le scuole "non hanno ragioni e titolo per chiedere contributi alle famiglie, se non liberalità finalizzate all'innovazione tecnologica, edilizia scolastica (di competenza degli enti Locali), miglioramento dell'offerta formativa. Resta la facoltà di richiedere contributi per le spese di laboratorio nelle scuole secondarie di II grado".

E' quanto scrive il Miur in una nota, tornando sulla polemica tra il ministro Gelmini e quei dirigenti che chiedono contributi alle famiglie e spiegando che l'incremento dei 685 milioni è così suddiviso: +223 milioni per il funzionamento, +41 milioni per gli straordinari resi dai docenti per le supplenze, +191 milioni per il miglioramento dell'offerta formativa e 230 milioni di finanziamento straordinario per debiti precedenti.



lascuolasiamonoi/misc/image/repubblica%207%20aprile%20fondi%20Gelmini.jpg

http://icdo-nogelmini.blogspot.com/
<http://www.forumscuole.it/msp>

*DA NON CREDERE*
I presidi che battono cassa alle famiglie lo fanno per attaccare il Governo:
parole della Gelmini. Da "La Tecnica della Scuola"
[leggi<http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31515&action=view>
].

http://icdo-nogelmini.blogspot.com/
<http://www.forumscuole.it/msp>
 

Rabbia dei genitori alla materna Il Tiglio incantato di Spinaceto

Mancano le maestre e le mamme chiamano il 112

Giulia Bianconi Genitori in rivolta ieri mattina nella materna Il Tiglio incantato di SpinacetoTanto da richiedere l'intervento dei carabinieri. La protesta è scoppiata quando, all'orario di entrata della scuola di via Orazio Console, ai venti bambini del terzo anno è stato vietato l'ingresso in classe a causa dell'assenza della maestra per motivi di salute. «L'insegnante è malata. E non c'è una supplente. I bambini devono tornarsene a casa» hanno spiegato alle famiglie le altre maestre, impossibilitate a tenere più di 25 alunni per classe. Un episodio simile era già accaduto lo scorso 12 dicembre. E anche in quel caso l'assenza di una maestra e della relativa supplente, aveva creato disservizi ai genitori. Per questo ieri mattina le famiglie infuriate si sono rifiutate di portare via i bambini e hanno deciso di chiedere l'intervento delle forze dell'ordine per denunciare la situazione. «L'unico modo per farci ascoltare era quello di chiamare i carabinieri – racconta Monica, mamma di una bambina di 5 anni – Nei prossimi giorni presenteremo un vero e proprio esposto. È un diritto dei genitori che lavorano poter mandare a scuola i bambini, senza che loro vengano rifiutati». «I nostri figli sono stati lasciati fuori dalla scuola in un recinto per un'ora. Neanche fossero animali – denuncia Ingrid, la madre di un altro bambino - Poi la dirigente ha deciso di occuparsi lei stessa di una parte di loro fino all'arrivo della maestra del pomeriggio. Altri piccoli sono dovuti tornare a casa». «C'è stata una mancanza di organizzazione, ma soprattutto di rispetto nei nostri confronti» aggiunge Marina, un'altra mamma. Anche in altre scuole del territorio sembra siano accaduti episodi simili. «In questi giorni in altre materne si sono assentate maestre senza essere sostituite - denuncia il capogruppo dell'Idv in Municipio XII, Federico Siracusa - La causa è la mancanza di supplenti dovuta a una graduatoria comunale ferma al 2005».

 



In particolare per il fondo di funzionamento nel 2011 il Miur mette complessivamente a disposizione 774 milioni di euro, "il massimo storico mai raggiunto negli ultimi quattro anni". Per i finanziamenti per le supplenze dell'anno 2011 sono stati erogati 303 milioni: per il 2011 le risorse per finanziare le ore straordinarie svolte dai docenti per sostituire i colleghi assenti sono state incrementate, in via straordinaria, di 41 milioni di euro, raggiungendo così la somma complessiva di 70 milioni. Il Ministero ha erogato 16.647.638 euro a saldo delle supplenze di dicembre 2010.

Per il miglioramento dell'offerta formativa per il 2010/2011 il Miur sta procedendo all'assegnazione di 1,5 miliardi di euro alle scuole statali, con un incremento di oltre 191 milioni di euro rispetto al 2007/08: i fondi serviranno per realizzare, tra l'altro, attività aggiuntive d'insegnamento, di recupero e di potenziamento, attività di progettazione e produzione di materiali utili alla didattica, con particolare riferimento a prodotti informatici. Per questo, precisa il Ministero, "le attività didattiche aggiuntive come i corsi pomeridiani sono gratuite per le famiglie".

Quanto alle erogazioni del Ministero alle scuole statali, nell'a.s. 2007/08 sono state 2,5 miliardi di euro, oltre 2,5 miliardi nell'a.s. 2008/09, oltre 3 miliardi nel 2009/10, con un incremento di oltre 692 milioni nell'ultimo anno scolastico rispetto all'anno 2007/08 e di oltre 597 milioni rispetto al 2008/09.

Nel dicembre 2010 ci sono stati anche dei finanziamenti straordinari alle scuole: un finanziamento straordinario di 160 milioni alle 2.903 istituti che hanno debiti assunti in anni precedenti, coperti da residui attivi; un finanziamento straordinario di 70 milioni a tutte le scuole per il pagamento delle ore straordinarie svolte dai docenti per supplenze oltre il budget assegnato e quindi coperte da residui attivi. Il Miur quindi nel 2010 ha quindi finanziato in via straordinaria 230 milioni di 'residui attivi' che le scuole hanno iscritto in bilancio per finanziare debiti altrimenti scoperti.

"LA SMETTANO DI CHIEDERE SOLDI VOGLIONO SOLO SCREDITARE IL GOVERNO"
http://rassegna.governo.it/rs_pdf/pdf/YTW/YTWYR.pdf

Gelmini: I capi d'istituto che chiedono soldi ai genitori vogliono screditarci

"Sono contraria ai contributi chiesti ai genitori per le spese di funzionamento delle scuole. Oggi i soldi ci sono e chi se li fa dare dalle famiglie lo fa per attaccare il governo". è quanto afferma in una intervista ad Alberto Custodero su La Repubblica ("La smettano di chiedere soldi, vogliono solo screditare il governo") il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini riferendosi al caso di una scuola elementare di Torino dove la preside avrebbe chiesto un contributo volontario ai genitori di circa cinquanta euro suscitando polemiche. "Non conosco nel merito il caso di Torino – aggiunge - però, la richiesta da parte dei presidi di contributi ai genitori degli alunni avviene in tutta Italia. Ed è per questo che dico che è una forma per criticarci, per far passare il messaggio che noi affamiamo la scuola per costringere le famiglie a pagare".

"Alcuni dirigenti scolastici - sottolinea il Ministro - sanno amministrare bene, altri no e cercano di incolpare noi per le mancanze. La storia dei tagli all'istruzione inizia nel 2007 quando il ministro dell'allora governo Prodi era Fioroni. Ma se allora chiedere soldi ai genitori aveva un senso ora non c'è più. Fioroni aveva previsto un taglio di 45mila unità nella scuola. Quella riduzione di organici aveva fatto scattare la clausola della salvaguardia, meccanismo che prevede che se i tagli non li fai su un capitolo, ricadono su un altro. Nel nostro caso furono tagliati circa 200 milioni dal fondo di funzionamento. Anche se resto dell'idea che i soldi ai genitori non si devono chiedere, ecco perchè dico che in quel periodo i contributi ai genitori avevano comunque un senso".

"Oggi – prosegue - i fondi ci sono. I soldi al fondo di funzionamento sono aumentati di 200 milioni di euro perché abbiamo risparmiato sulla voce pulizia. Penso che scaricare sulle famiglie le spese di funzionamento - conclude Gelmini - sia un meccanismo che non condivido perché oggi le risorse ci sono e sono sufficienti".

http://www.tuttoscuola.com/cgi-local/disp.cgi?ID=25448

"Costretti a chiedere soldi alle famiglie per sapone e carta igienica"
Il ministro Gelmini accusa le scuole che chiedono soldi alle famiglie di voler "screditare il governo". Interviene l'assessore: "Con i tagli mancano fondi per cancelleria, sapone, carta igienica"

di Redazione - 07/04/2011

Le scuole sono senza un euro, e la polemica con il Ministro Gelmini, che accusa gli istituti scolastici (che chiedono ai genitori degli alunni un contributo per comprare carta igienica e sapone) di voler screditare il governo, raggiunge Torino. A parlare è l’Assessore ai Servizi Educativi Giuseppe Borgogno

In risposta ad un articolo di giornale in cui il Ministro Mariastella Gelmini dichiara: "la smettano di chiedere soldi vogliono solo screditare il governo" affermazione nata da un intervista alla preside della scuola elementare Roberto D’Azeglio di Torino: “ Scuola al verde, le famiglie paghino 50 euro”, l’Assessore ai Servizi Educativi della Città di Torino dichiara : "Il Ministro Gelmini sembra ignorare che in realtà praticamente tutte le scuole sono oggi costrette a chiedere contributi alle famiglie per il funzionamento degli istituti e dell’attività didattica, proprio per effetto dei tagli provocati dalla riforma che lo stesso Ministro Gelmini ha varato. Gli esempi possono essere moltissimi e non riguardano solo l’acquisto di cancelleria, materiale per le pulizie, carta igienica e sapone; infatti la riduzione del numero di insegnanti fa sì che la vigilanza durante l’orario di mensa debba essere svolta da cooperative o associazioni e
non più da personale scolastico, con un costo aggiuntivo che si riversa sulle famiglie. Oggi i genitori pagano di loro tasca per completare l’offerta educativa e le attività integrative, prima garantite dalla scuola".

"Ogni istituto ha oggi meno risorse – aggiunge l’Assessore – che in passato per sostenere le attività didattiche e il funzionamento minuto. Le scarse risorse che le scuole hanno ricevuto di recente non compensano la mancata erogazione di fondi degli ultimi due anni. I fondi per il cosiddetto funzionamento, tra l’altro, ammontano a meno di 10 euro ad allievo per tutto l’anno scolastico. Gli enti locali, in questi anni, sono dovuti intervenire per cercare di tamponare una situazione sempre più difficile. La Città di Torino, ad esempio, spende ogni anno, oltre ai compiti che le vengono assegnati, circa 20 milioni di euro a sostegno del sistema scolastico torinese. Tra queste spese vi sono i 3 milioni e 500 mila che il Comune spende per pagare 140 insegnanti di sostegno (figura fortemente ridimensionata dalla riforma Gelmini) che lavorano nelle scuole dello Stato, oltre a buona parte delle attività integrative che permettono con grande fatica
di proseguire l’esperienza del tempo pieno. Quando i dirigenti scolastici chiedono contributi alle famiglie– sottolinea l’assessore- non è certo per ostilità nei confronti di nessuno ma per cercare di far funzionare nel modo migliore possibile un patrimonio, la scuola pubblica, fondamentale per il futuro di ogni comunità”.

http://www.torinotoday.it/politica/assessore-comune-torino-contro-ministro-gelmini-tagli-riforma.html

Lo sai che...?
L’importante è avere chiaro l’obiettivo e L’URP è ben consapevole del ruolo che svolge. Per dare seguito a quello che è uno dei propri compiti istituzionali, di farsi promotore e interprete delle esigenze e delle richieste del pubblico, alla luce di richieste sempre più pressanti su stesse problematiche, si propone questa sezione di risposte in modo generalizzato che focalizzano aspetti di norme non ben chiare a molti, fornendo risposte dirette a chiarire meglio il rapporto che si instaura tra amministrazione e utenti, amministrazione scolastica e famiglie.
(...)
3.Contributo scolastico

I contributi scolastici sono deliberati dai Consigli di Istituto. Il comma 622 della legge 296/2006 (finanziaria 2007), intervenendo nuovamente sul tema dell’obbligo di istruzione, della durata di dieci anni e del suo innalzamento, ha tra l’altro stabilito che “resta fermo il regime di gratuità ai sensi degli articoli 28, comma 1, e 30, comma 2, secondo periodo, del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226”.
In ragione dei principi di obbligatorietà e di gratuità, non è dunque consentito imporre tasse o richiedere contributi obbligatori alle famiglie di qualsiasi genere o natura per l’espletamento delle attività curriculari e di quelle connesse all’assolvimento dell’obbligo scolastico (fotocopie, materiale didattico o altro) fatti salvi i rimborsi delle spese sostenute per conto delle famiglie medesime (quali ad es: assicurazione individuale degli studenti per RC e infortuni, libretto delle assenze, gite scolastiche, ect). Eventuali contributi per l’arricchimento dell’offerta culturale e formativa degli alunni possono dunque essere versati dalle famiglie solo ed esclusivamente su base volontaria.

4.Tasse scolastiche

L’impianto normativo tuttora in vigore in tema di tasse scolastiche (art. 200 d.lgs 297/1994) prevede quattro distinti tipi di tributo: di iscrizione, di frequenza, di esame e di rilascio di diploma.
Tassa di iscrizione: E’ esigibile all’atto dell’iscrizione ad un dato corso di studi secondari, non è rateizzabile ed è devoluta integralmente all’Erario. L’importo è di 6,04 euro.
Tassa di frequenza: deve essere corrisposta ogni anno, può essere rateizzata, con pagamento della prima rata ad inizio d’anno e delle altre nei mesi di dicembre, febbraio ed aprile (d.m. 16 settembre 1954 Finanze). La tassa deve essere pagata per intero sia nel caso che l’alunno si ritiri dalla scuola sia nel caso che sia costretto ad interrompere la frequenza per motivi vari. Il pagamento è riconosciuto valido, in caso di trasferimento di uno studente da istituto statale al altro statale, dalla nuova scuola.
Tassa di esame: Deve essere corrisposta esclusivamente nella scuola secondaria superiore in unica soluzione al momento della presentazione della domanda per esami di idoneità, integrativi, di licenza, di qualifica, di Stato (ex maturità).
Tassa di diploma: La tassa deve essere corrisposta in unica soluzione, al momento della consegna del titolo di studio.
(...)
http://www.istruzione.it/web/hub/urp/lo-sai-che#fam3

Cerca:
http://www.google.it/search?q=contributo+scolastico

Contributo volontario. Un’opportunità per condividere un progetto
http://www.educationduepuntozero.it/community/contributo-volontario-un-opportunita-condividere-progetto-403955451.shtml

Pubblicato Sabato 16 Aprile 2011 - 23:16 (letto 7471 volte)
Comment Commenti (13) Print Stampa

avatarDa: Mackenzie Data: Lunedi 21 Novembre 2011 - 04:09

charged a nominal charge, however the clothes is far much less luxurious as opposed to yr just before. However it is simply due to much less colours and difficult ornaments, Christian Lacroixas sophisticated Paris design displays additional profoundly. brautkleider online Essentially the most thankless: ball und abendkleider Elie Saab Elie Saabas pure white sequence once again this year isn't smart. We are able to see the white lace, embroidery, feathers, hochzeitskleider sequins all particulars to display beautiful handwork and style have much less energy and effect than "white relief" arrives. By far the most "thorn": Givenchy The suggestion in the vertebral decoration in Givenchy autumn and winter season superior customization display is awe inspiring. Major suggestion ring appears not to become trifled

avatarDa: Mackenzie Data: Lunedi 05 Dicembre 2011 - 11:06

obtain a prom gown about your spending budget green chanel . red shoes Possess a speak together with your mothers and fathers about just how much money they're ready to invest in your fairly green gown. You do not need to acquire a expensive gown to appear good . You will be in a position to find out wonderful gown at affordable cost by searching about for it. Preserve an eye around the product sales in the neighborhood stores, boutiques and bridal shops and maintain checking internet as well! But did you realize that money is not every thing. It is best to think about a few other issues as well ahead of getting your spectacular green prom gown. Some attire can make you seem taller even though other people appear to shorten your peak. tory burch boots If you are a petite dimension and desire to

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 09:24

modest evening dresses modest evening dresses Kevin flower girl dresses cheap flower girl dresses cheap

avatarDa: Megan Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 11:41

fake watches fake watches, Maria, fake omega fake omega

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 13:22

replicawatches replicawatches, david, fake tag heuer fake tag heuer

avatarDa: Samantha Data: Venerdi 22 Giugno 2012 - 07:21

elegance and flatter her body figure. Cautiously pick the full length gown and make certain that it is perfectly tailored for your body long dresses . . To make sure which you pick up the correct gown, you ought to spend some time deciding upon from many colors, styles, pink wedding dresses . and designs. Typically speaking, single colored long evening gowns of easy styles are suitable for solemn occasions while a gown in multicolor tones adorned with sparkling jewelry and embellishments will be the ideal outfit for posh fashion events. If you have no thought what kind of gowns would be appropriate for specific occasions, it will by no means go wrong to opt for black lengthy evening dresses which can add timeless elegance and grace to your style and personality. In terms of the styles or styles, you must make the choice based on your body type and individual style. . In case you are born with gorgeous collar bone and long neck, you 8217;ll be able to go for strapless or one

avatarDa: Samantha Data: Martedi 24 Luglio 2012 - 14:28

or steel, but also offer three different dial colors that represent different moods we give to the moon 8211; or at least the views we see of it. There is always the gray-silver moon we see, but there is also the white barren moon, and the dark light-less moon. Each of these,moods,is represented in one of these colors. If you don,t buy that,mood,langauge, then this is a way of having a few different color options 8211; fair enough rolex replica watches . .The actual moon surface on this watch is refined a bit (over the original Moon Dust DNA line) 8211; made too look a bit more,dry,and somber fake watches . . With cracked surfaces and more realistic shading fake watches . . There are no browns really on the moon as was a major color of the original watches (still less than a year old). Much of the inside of the watch and the case is the same

avatarDa: Leonard Data: Mercoledi 25 Luglio 2012 - 07:57

replica rolex replica rolex, anderson, replica rolex for sale

avatarDa: Leonard Data: Martedi 11 Settembre 2012 - 15:12

fake rolex fake rolex, rodney, prices rolex watches

avatarDa: samanth8a Data: Giovedi 18 Ottobre 2012 - 04:50

designer wedding dresses designer wedding dresses Bernie dresses for mother of the groom dresses for mother of the groom

avatarDa: samanth8a Data: Martedi 23 Ottobre 2012 - 05:36

replica rolex watches replica rolex watches Herbert replica rolex datejust 2 replica rolex datejust 2

avatarDa: samanth8a Data: Venerdi 14 Dicembre 2012 - 07:28

halloween costumes 2013 halloween costumes 2013 Reginald pirate costumes pirate costumes

avatarDa: Megan Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 05:46

designer brautkleider designer brautkleider, Jordyn, [img]http://www.birthdress.net/images/thumbnails/dress-1/MX3645.jpg[/img]



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Petizione sul calendario scolastico Regionale- Emilia Romagna (22/10/2017 - 17:53) letto 2006 volte
Read Lettera della Commissione Audit sul debito del Comune di Parma (26/05/2017 - 02:50) letto 2331 volte
Read Un paio di riflessioni...da lontano (11/04/2017 - 02:42) letto 2453 volte
Read Un saluto.... (29/01/2017 - 10:54) letto 2300 volte
Read Buon Natale "Zen" (24/12/2016 - 17:03) letto 2734 volte
Read Perchè non ho più voglia di ascoltare le sue ragioni...sen. Pagliari (24/10/2016 - 20:46) letto 2386 volte
Read La scuola dice NO- appello da firmare (19/10/2016 - 19:57) letto 3498 volte
Read Sen. Pagliari, vuole venire anche nelle nostre scuole all'inaugurazione del primo giorno di scuola? (13/09/2016 - 17:36) letto 2591 volte
Read Consegnate 515.000 firme per quesito- Referendum Scuola (09/07/2016 - 12:52) letto 2348 volte
Read Il difficile trasloco della Scuola Corazza e le scelte...opinabili! (09/07/2016 - 12:39) letto 2715 volte
Read 27 maggio-iniziativa con Paolo Maddalena e altre iniziative comitati referendari Parma + news (21/05/2016 - 17:08) letto 3292 volte
Read 4-5 maggio- anche alla Scuola Corazza si protesta contro INVALSI e L.107 (06/05/2016 - 03:58) letto 2752 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Ultimissime.png
 
Calendario
Data: 13/07/2024
Ora: 11:52
« Luglio 2024 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
 
Login





Choose your language:
deutsch english español français italiano português
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 4 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template