flat nuke

Chi di Invalsi ferisce....

Ultimissime.png

Chi di INVALSI ferisce….

Quando vennero introdotti i Test INVALSI nelle scuole italiane, moltissimi docenti e genitori dichiararono la loro opposizione a questo sistema di valutazione ritenendolo inaccettabile e dannoso. Al di là delle considerazioni di ordine pedagogico e didattico, volte a porre in evidenza la totale inadeguatezza di questo genere di quiz per valutare l’effettiva preparazione degli studenti, i timori riguardavano il rischio che di questi risultati potesse essere fatto un uso distorto e aberrante.

In Gran Bretagna, infatti, in seguito all’introduzione di quiz analoghi, il livello di preparazione degli studenti britannici è inesorabilmente peggiorato, la motivazione dei docenti progressivamente diminuita e la competizione fra le scuole al contrario cresciuta sempre più. Infatti, oltre ad essere divenuti l’indicatore per la distribuzione dei fondi ai singoli istituti, i quiz britannici vennero molto presto utilizzati per comporre una sorta di graduatoria delle scuole esposta pubblicamente in più luoghi, ad iniziare dai supermercati.


Eravamo certi che si sarebbe arrivati a questo anche in Italia: un bell’articolo sul giornale di ogni città con la classifica degli Istituti, in base al risultato delle Prove INVALSI.

Una sorta di “Top Ten” per orientare le scelte future delle famiglie, condizionate dal riconoscimento conferito a questi risultati dal MIUR, talvolta scoraggiate di fronte all’ “eccellenza” di scuole troppo “competenti” e rassegnate all’esclusione dei propri figli.

Di fronte all’assurda semplificazione delle Prove INVALSI (che pretendono di misurare in modo improprio) e del loro uso, ecco la risposta del sentire comune: la graduatoria bell’e servita.

Che importa se mescola tipologie di scuola diverse, utenze diverse, campioni parziali di alunni (le prove vengono svolte soltanto da una parte degli alunni/e ogni anno, e non sono mai gli stessi in anni successivi). Che importa se, in barba a tutte le principali teorie pedagogiche sulla pari dignità di tutte le discipline, i test misurano solo ed esclusivamente le competenze in italiano e matematica. L’importante è dire chi è primo e chi è secondo.


Finalmente la meritocrazia, ci direbbero i nostri decisori politici, che ne hanno fatto un perno della Legge 107.

Chissà che agitazione di Dirigenti Scolastici, di docenti, di genitori, di fronte alle classifiche pubblicate in prima pagina, visto che le scuole superiori sono in perenne competizione sull’utenza potenziale e le famiglie sembrano rassicurate dalle classifiche, nelle loro scelte.

Senza dubbio pochissimi andranno a leggere nel RAV (quel Rapporto di Autovalutazione compilato da ogni scuola che la Ministra Giannini ha definito “rivoluzione epocale”) a quanto ammonta il contributo “volontario” che le famiglie apportano di propria tasca alle scuole per sopperire ai tagli dei contributi statali, o si soffermeranno su altri dati che sarebbero molto utili se si volesse veramente elevare la qualità della scuola italiana.

 


Di fronte alla “pagella” dell’INVALSI, anche i giornali non vanno tanto per il sottile, solleticando il senso comune della gente. Diciamo finalmente chi è bravo e chi no. Chi vince e chi perde, nella gara della vita.

E’ la stessa logica che nel 2008 ha fatto introdurre, su spinta del Super-Ministro Tremonti, il voto numerico nella scuola primaria e secondaria di primo grado, con esiti catastrofici.

Fare graduatorie facilmente comprensibili.


Immaginiamo purtroppo cosa succederà se al RAV e alle Prove INVALSI si legheranno aspetti premiali in termini economici (come il Sistema Nazionale di Valutazione prevede).

Quindi, ai solerti Dirigenti Scolastici che tanto hanno esaltato e difeso le Prove INVALSI (non tanto pericolose in sé, ma per la loro applicazione ed uso improprio, omai chiare a qualsiasi studio scientifico serio), che hanno preso posizione come ASAPA contro chi si è opposto, con argomentazioni critiche, a questa modalità ultra-semplificatoria di valutazione diciamo: Chi di INVALSI ferisce…di INVALSI patisce (sulla pubblica piazza…).

Roberta Roberti, Giordano Mancastroppa, Enrico Calzolari, Andrea Zini, Cristina Di Patria, Giovanna Affanni de La Scuola Siamo Noi-Parma




Pubblicato Martedi 10 Novembre 2015 - 06:48 (letto 2566 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Petizione sul calendario scolastico Regionale- Emilia Romagna (22/10/2017 - 17:53) letto 1874 volte
Read Lettera della Commissione Audit sul debito del Comune di Parma (26/05/2017 - 02:50) letto 2209 volte
Read Un paio di riflessioni...da lontano (11/04/2017 - 02:42) letto 2384 volte
Read Un saluto.... (29/01/2017 - 10:54) letto 2216 volte
Read Buon Natale "Zen" (24/12/2016 - 17:03) letto 2569 volte
Read Perchè non ho più voglia di ascoltare le sue ragioni...sen. Pagliari (24/10/2016 - 20:46) letto 2253 volte
Read La scuola dice NO- appello da firmare (19/10/2016 - 19:57) letto 3397 volte
Read Sen. Pagliari, vuole venire anche nelle nostre scuole all'inaugurazione del primo giorno di scuola? (13/09/2016 - 17:36) letto 2369 volte
Read Consegnate 515.000 firme per quesito- Referendum Scuola (09/07/2016 - 12:52) letto 2271 volte
Read Il difficile trasloco della Scuola Corazza e le scelte...opinabili! (09/07/2016 - 12:39) letto 2584 volte
Read 27 maggio-iniziativa con Paolo Maddalena e altre iniziative comitati referendari Parma + news (21/05/2016 - 17:08) letto 3023 volte
Read 4-5 maggio- anche alla Scuola Corazza si protesta contro INVALSI e L.107 (06/05/2016 - 03:58) letto 2685 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Ultimissime.png
 
Calendario
Data: 22/04/2024
Ora: 12:21
« Aprile 2024 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30
 
Login





Choose your language:
deutsch english español français italiano português
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template