flat nuke

Reazioni e dibattiti intorno al documento La Buona Scuola

Ultimissime.png

Riforma della scuola e nuovo sistema di scatti: il docente meritevole premiato con 26 euro in meno al mese

Posted by comitatonogelmini su 5 settembre 2014

bastone e carota
di Antonello Venditti
da OrizzonteScuola
5 settembre 2014

Il nuovo sistema che prevede di mandare in pensione quello attuale degli scatti di anzianità, per introdurre il merito con 26 euro in meno al mese per tutta la vita del docente (lavorativa e pensionistica).

La tabella presentata nella pubblicazione “La Buona Scuola” a pagina 55 è costruita sull’ipotesi che il docente ogni tre anni percepisca SEMPRE gli scatti fino alla fine della sua carriera.

Ma la proposta del Governo prevede che solo i due terzi dei docenti potranno percepire lo scatto (anche se bravi). Questo significa che ogni 9 anni verrebbero mediamente percepiti solo 2 scatti.

Di qui ho provveduto a ricostruire una tabella più realistica, che prevede che il docente percepisca 2 scatti dopo 6 anni e non percepisca un ulteriore scatto dopo altri 3 anni (2 scatti ogni 9 anni).

scatti_venditti

Il risultato si commenta da solo: anche se nei primi 8 anni il docente percepirà mediamente di più, a partire dal 9 anno, la convenienza viene ad assumere un risultato negativo che rimane fino alla fine della vita lavorativa, prevista intorno ai 42 anni di servizio (danno che si protrarrà anche sulla pensione, dato i valori sono proporzionali).

La tabella calcola anche un risultato medio: ben 26 euro mensili in meno per tutta la vita.

26 euro mensili in meno significano 312 euro (=26×12) in meno all’anno per il docente, che significano anche un risparmio per lo Stato, ipotizzando in 650.000 il numero di docenti, di circa 200milioni di euro annui (=312×650000).

Veramente un bel risultato: lavorare con la carota appesa ad un filo davanti alla bocca a mo’ di asino e cinquanta mila lire in meno al mese!

Poi si dice male di Grillo che organizza i v-days…

Il “furbone Renzi” e le riforme di contrabbando

Posted by comitatonogelmini su 4 settembre 2014

renzusconi1

di Vincenzo Pascuzzi
4 settembre 2014
L’aspetto geniale, strategico e insieme madornale, dell’operazione riforma non-riforma di Renzi consiste nell’aver ignorato del tutto o dribblato il suo stesso Governo, il suo stesso Consiglio dei Ministri presentando direttamente on-line le sue proposte. Siamo in presenza di una riforma promessa solo verbalmente, senza nessun documento scritto e controfirmato, senza nessun impegno o garanzia a supporto!
Al riguardo, osservano giustamente i Cobas Scuola: “Il furbone Renzi promette assunzioni di massa on-line ma non in Consiglio di Ministri” (1).
Da notare poi il titolo a mo’ di slogan pubblicitario: “La buona scuola”, un titolo “pieno di buonismo perfidino” e “che sottintende una cattiva scuola da cui prendere le distanze”, mentre in realtà “La nostra non è una cattiva scuola. È una scuola senza risorse” (2).
Anche la grafica e i colori della prima pagina sono chiaramente studiati per apparire accattivanti e piacere, tanto che richiamano i cartoons della Warner Brothers.
Niente di male, slogan e grafica andrebbero pur bene se effettivamente corrispondessero ai contenuti che invece risultano vaghi e deludenti, come denunciano e dimostrano molti commentatori.  
Innanzi tutto mancano le risorse economiche,  tanto che: “i prof si pagano il costo della riforma da soli” (3). Forse Renzi e Giannini vogliono prima trattenere le risorse degli scatti di anzianità e solo successivamente destinarne una parte (neanche tutte) al mitizzato merito e ci vorrà del tempo. In quanto è tutto da inventare, non ci sono indicazioni su come rilevare o misurare il merito, ma di sicuro sarà operazione complessa, non facile, controversa, implicherà maggiore burocrazia, gerarchia, arbitrarietà, attriti, errori e contenzioso (4).
Altro aspetto rilevante e preoccupante: risulta accantonato, cancellato o sotterrato il programma elettorale Pd sulla scuola del 2013 che puntava a destinare alla scuola – allineandosi alla media Ue – il 6% di Pil, a raddoppiare il numero dei laureati e a dimezzare la dispersione scolastica entro il 2020 (5) (6) (7). Renzi si è invece ispirato ad Aprea e Gelmini.
Nulla viene concretamente previsto su: l’affollamento delle classi, il contributo volontario-obbligatorio, il materiale di normale consumo per i servizi igienici e la didattica (dalla carta igienica ai pennarelli), le attività di recupero
Sui tempi, solo qualche indicazione (assunzione precari 1.9.2015 ?), ma nessuna garanzia.
Per il momento, restano fuori riforma i maggiori (e incostituzionali) contributi alle scuole private cattoliche, che stanno molto a cuore alla Cei, probabilmente verranno recuperati in corso d’opera, se davvero questa verrà avviata.
Ci sono poi due mesi di una discussione in rete, che vorrebbe scavalcare il Parlamento e che verrà opportunamente pilotata e gestita dai moderatori, in modo da approvare a larga maggioranza (80% ?) la proposta renziana. Poi Governo e Parlamento dovranno accodarsi, salvo imprevisti.
I sindacatoni (Cgil e c.) risultano in apparenza spiazzati e si stanno acconciando a gestire e recitare la parte loro assegnata: fare da spalla al governo e al Miur, abbaiare un po’, guaire, ma non mordere, poi accontentarsi. Bisogna capirli, da tempo sono nell’angolo, senza alternative, senza coraggio. Già si riscontrano loro dichiarazioni di buona volontà, disponibilità e accondiscendenza. È già accaduto in passato (2008), probabile che accada di nuovo ora.
Infine va osservato che il documento sulla riforma non-riforma non fa altro che codificare e ufficializzare – in un certo senso – comportamenti non ortodossi ma già praticati e sperimentati, che possono essere indicati come “riforme di contrabbando” già ben descritti e denunciati: “Così si fanno le riforme in questo paese, come ho scritto nell’articolo: si lanciano “ballon d’essai”, si lascia che i fessi si sfoghino a protestare e a dibattere, ignorandoli con occhio sornione, poi si torna alla carica per indottrinareindottrinare, non discutere. Infine, si fa un altro passo avanti di fatto, e poi un altro, e un altro ancora. Fino a che ci si trova di fronte a una realtà cambiata in modo irreversibile e tutta la discussione è stata una logomachia riservata ai fessi. Quali siamo. Ci vorrebbe una vigorosa protesta di massa. Ma ormai tutti sono esausti…“ (8) (9).
Non resta che confidare o sperare in un risveglio e in una presa di coscienza della categoria dei docenti ingannata ormai da troppo tempo e in una conseguente reazione diffusa
Osservava Abramo Lincoln:  “You can fool all the people some of the time, and some of the people all the time, but you cannot fool all the people all the time” /  “Potete ingannare tutti per qualche tempo e alcuni per tutto il tempo, ma non potete ingannare tutti per tutto il tempo”.

 

Che siparietto…

Posted by comitatonogelmini su 4 settembre 2014

Tohpati

di Cosimo De Nitto
da ReteScuole (facebook)
4 settembre 2014

Che siparietto. Farsa o dramma su rai 3. Centemero e Faraone. La Centemero rivendica la paternità della riforma renziana sulla scuola, dice (giustamente) che quelle sono le posizioni della destra da sempre. Faraone non risponde dice le stesse cose della Centemero. Poi il giornalista fa rilevare che sono d’accordo su tutto e quel cretino di Faraone sapete cosa risponde non accorgendosi dell’autogol? “Ciò che voi avete pensato noi l’abbiamo(?) realizzato”. La bocca della verità. Renzi sta portando avanti la politica della destra. C’è qualcuno che può dire il contrario? Il giornalista è passato alla politica estera, sulla scuola era una voce sola, quella della destra.
Vergogna!



Tutta la città ne parla-puntata del 5 settembre

Pubblicato Venerdi 05 Settembre 2014 - 20:23 (letto 2279 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Petizione sul calendario scolastico Regionale- Emilia Romagna (22/10/2017 - 17:53) letto 1973 volte
Read Lettera della Commissione Audit sul debito del Comune di Parma (26/05/2017 - 02:50) letto 2298 volte
Read Un paio di riflessioni...da lontano (11/04/2017 - 02:42) letto 2428 volte
Read Un saluto.... (29/01/2017 - 10:54) letto 2279 volte
Read Buon Natale "Zen" (24/12/2016 - 17:03) letto 2693 volte
Read Perchè non ho più voglia di ascoltare le sue ragioni...sen. Pagliari (24/10/2016 - 20:46) letto 2361 volte
Read La scuola dice NO- appello da firmare (19/10/2016 - 19:57) letto 3473 volte
Read Sen. Pagliari, vuole venire anche nelle nostre scuole all'inaugurazione del primo giorno di scuola? (13/09/2016 - 17:36) letto 2581 volte
Read Consegnate 515.000 firme per quesito- Referendum Scuola (09/07/2016 - 12:52) letto 2316 volte
Read Il difficile trasloco della Scuola Corazza e le scelte...opinabili! (09/07/2016 - 12:39) letto 2694 volte
Read 27 maggio-iniziativa con Paolo Maddalena e altre iniziative comitati referendari Parma + news (21/05/2016 - 17:08) letto 3264 volte
Read 4-5 maggio- anche alla Scuola Corazza si protesta contro INVALSI e L.107 (06/05/2016 - 03:58) letto 2730 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Ultimissime.png
 
Calendario
Data: 18/06/2024
Ora: 19:49
« Giugno 2024 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
Login





Choose your language:
deutsch english español français italiano português
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template