flat nuke

Documento comune su Valutazione

Ultimissime.png

No alle prove Invalsi

Pubblicato da comitatonogelmini su 16 dicembre 2011

Documento su valutazione e libertà di insegnamento del Coordinamento delle Associazioni, Comitati e Gruppi per una Buona Scuola della Repubblica riunito in assemblea domenica 4 dicembre 2011

Ogni operazione di valutazione per non essere mistificatoria, e quindi inerentemente mendace e regressiva, dovrebbe esplicitare quale sia il sistema di valori a cui fa riferimento e la classe di oggetti a cui viene applicata.

Nel caso della scuola è necessario scegliere tra un modello che concorra alla formazione dei cittadini, che sono quindi in grado, anche con il loro lavoro, di contribuire alla vita del paese, ed un altro che produca soltanto lavoratori acquiescenti.

A nostro avviso il processo di valutazione che è stato avviato negli ultimi anni rivela un’impostazione in contrasto con i valori costituzionali, che fondano la scuola italiana sulla libertà di insegnamento (art. 33, c. 1), il cui “esercizio è diretto a promuovere, attraverso un confronto aperto di posizioni culturali, la piena formazione della personalità degli alunni.” (Art. 1 c. 2 D.Lvo 297/94).

La nostra scuola è un’Istituzione che deve dare attuazione all’art. 3 della Costituzione e al “compito della Repubblica di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Crediamo che la commistione fra processo di valutazione e applicazione del D. Lvo 150/09, con la previsione di incentivi e disincentivi di carattere monetario, proponga un approccio di tipo punitivo al tema della valutazione e riveli una visione puramente economicista della scuola.

La pretesa di utilizzare identici strumenti per valutare gli studenti, le scuole e gli insegnanti pone seri dubbi sulla serietà del progetto.

Un sistema di accountability, focalizzato sulla valutazione degli apprendimenti disciplinari, non è in grado di catturare né la ricchezza delle competenze costitutive del capitale umano dello studente (cognitive, tecniche e trasversali) né la varietà degli approcci didattici, organizzativi e gestionali attraverso i quali le scuole possono raggiungere elevati standard di apprendimento per i loro studenti.

È evidente che l’introduzione di procedure di valutazione tramite test prevalentemente a risposta chiusa provocherà uno spostamento della didattica verso l’addestramento al loro superamento con alcune pesanti conseguenze:

  • si perderà la ricchezza di un insegnamento che tende a sviluppare nello studente le capacità di analisi, di sintesi, di risoluzione di problemi complessi;
  • i programmi scolastici verranno decisi dall’impostazione e dal contenuto di detti test, al di fuori di ogni controllo politico e sociale. Finché l’Invalsi sarà alle dirette dipendenze del Ministro di turno, il governo avrà la possibilità di decidere gli indirizzi culturali della scuola;
  • si piegherà la scuola a logiche competitive, snaturandone la finalità di luogo della democrazia, della cooperazione e dell’inclusione.
  • non si valuterà in alcun modo il progresso sociale, relazionale, affettivo degli alunni, né le caratteristiche sociali del territorio in cui ciascuna scuola svolge la propria azione.

Noi riteniamo che un processo di valutazione delle scuole possa avere un senso solo se contestualmente agganciato ad un progetto politico di rilancio dell’istruzione statale in Italia.

Pensiamo che si debba operare una svolta radicale nell’approccio alla valutazione: le scuole tornino a riflettere su se stesse, sul proprio operato, a partire dal proprio progetto didattico, a porre attenzione allo svilupparsi del processo di apprendimento, all’osservazione degli esiti, in una prospettiva di miglioramento.

Un percorso di riflessione che veda coinvolti appieno tutti i protagonisti, a partire dai portatori del diritto costituzionale all’istruzione che sono le/i giovani cittadine/i. Un percorso che preveda la formazione, in termini di ricerca–azione, come nucleo centrale per una crescita collettiva e cooperativa, verso una cultura della valutazione che rinnovi continuamente se stessa e tenga vivi il senso e l’importanza del rapporto educativo.

Chiarito che le prove Invalsi, così come oggi intese, troveranno la nostra più netta opposizione in tutte le scuole:

  • ci impegneremo affinché non vengano inserite nei P.O.F. e nel piano delle attività delle Istituzioni scolastiche che, per legge, devono deliberare al riguardo in piena autonomia e sollecitiamo i Collegi a non deliberare come attività aggiuntive da retribuire con il FIS le ore di tabulazione delle prove Invalsi eventualmente svolte dai colleghi, dando in tal modo inequivocabile indicazione alle RSU;
  • inviteremo i genitori a non collaborare non mandando a scuola i/le propri/e figli/e.

Crediamo che fin da subito occorra:

1. eliminare ogni commistione fra il processo di valutazione e l’applicazione del D. Lvo 150/09;

2. eliminare le sovrapposizioni fra valutazione interna ed esterna degli studenti, a partire dalla immediata abolizione dei test Invalsi negli esami di Stato di primo e secondo grado;

3. prevedere prove nazionali da svolgersi solo su campione, non limitate a domande a risposta chiusa, gestite da personale esterno formato allo scopo.

4. ricondurre il processo di valutazione alla programmazione delle scuole, concependo le prove di valutazione esterna come strumenti per il miglioramento dell’azione didattica attraverso un processo di autovalutazione, in una logica di rete;

5. prevedere che le competenze di cittadinanza e di equità prodotte divengano oggetto della valutazione interna ed esterna delle scuole;

6. sottoporre tutti gli organismi addetti alla valutazione alla nomina e al controllo del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione, organo elettivo che rappresenta il sistema scolastico nazionale.

Ass. ne naz. le Per la Scuola della Repubblica

Ass.ne ScuolaFutura Carpi

CESP – Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova

CISP Roma

Comitato bolognese Scuola e Costituzione

Comitato Genitori ed Insegnanti per la Scuola Pubblica di Padova

COOGEN Torino

Coordinamento Istruzione Bene Comune di Parma

Coordinamento Buona Scuola Carpi

Coordinamento Provinciale dei Presidenti di Consiglio d’Istituto , di Circolo e Comitati Genitori di Modena

Crides Roma

GdL Assemblea delle scuole di Bologna e provincia

La scuola siamo noi Parma

La Politeia Modena

Scuola della Repubblica Firenze


Pubblicato Sabato 21 Gennaio 2012 - 21:24 (letto 2382 volte)
Comment Commenti (6) Print Stampa

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 09:39

cheap prom dress cheap prom dress williams white party dresses white party dresses

avatarDa: Megan Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 11:57

replica watches for sale replica watches for sale, Ana, fake cartier fake cartier

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 13:36

replicawatches replicawatches, Patrick, fake omega fake omega

avatarDa: Samantha Data: Venerdi 22 Giugno 2012 - 07:15

their own distinctive style and blue prom dresses form of unique dresses for lace sleeve wedding dress their brides. These dresses are designed to represent eastern women to the greatest extent simple wedding dresses . . . If youd like to have a wedding ceremony in the church, it is necessary to get an discount bridesmaid dresses appropriate modest wedding dress.Brides usually have great expectations of bridesmaids, then how to be a great bridesmaid. Give honest suggestions when brides select their unique wedding dresses, long dresses . and offer them do hair and makeup on the wedding day. Decorate the outdoor reception venue in hot weather without complaint, and record gifts at your bridal party. Run out to pick up last minute items matched your custom bridal gowns on the wedding day. Offer your mom special attention at the wedding and give you a shoulder

avatarDa: Samantha Data: Martedi 24 Luglio 2012 - 14:25

that; rolex fake . s going to take location: 1 for the wedding event and secondly for the winter holydays. rolex fake watches . There are lots of gorgeous winter themed wedding dress style that 1 can select from, depending on just how much skin is willing to cover. fake rolex watches for women . In general, winter brides are selecting a full floor length ball gown wedding dress produced in a much more contemporary style, with ¾ sleeves or illusion sleeves.In the event you really dislike the concept of wearing a sleeved wedding dress, you can attempt some thing much more comfy, like a covering bolero with cap sleeves or maybe a fur coat, a hooded cape replica seiko, lace wrap fake rolex for sale, a shawl or maybe a matching jacket.Winter will be the finest time of year to wear a innocent stunning white wedding dress.A red winter wedding dress may also make an outstanding option for those who;re preparing a Christmas

avatarDa: Megan Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 05:59

designer brautkleider designer brautkleider, fergus, brautkleider second hand brautkleider second hand



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Petizione sul calendario scolastico Regionale- Emilia Romagna (22/10/2017 - 17:53) letto 1696 volte
Read Lettera della Commissione Audit sul debito del Comune di Parma (26/05/2017 - 02:50) letto 2006 volte
Read Un paio di riflessioni...da lontano (11/04/2017 - 02:42) letto 2181 volte
Read Un saluto.... (29/01/2017 - 10:54) letto 2019 volte
Read Buon Natale "Zen" (24/12/2016 - 17:03) letto 2373 volte
Read Perch non ho pi voglia di ascoltare le sue ragioni...sen. Pagliari (24/10/2016 - 20:46) letto 2046 volte
Read La scuola dice NO- appello da firmare (19/10/2016 - 19:57) letto 2904 volte
Read Sen. Pagliari, vuole venire anche nelle nostre scuole all'inaugurazione del primo giorno di scuola? (13/09/2016 - 17:36) letto 2105 volte
Read Consegnate 515.000 firme per quesito- Referendum Scuola (09/07/2016 - 12:52) letto 2043 volte
Read Il difficile trasloco della Scuola Corazza e le scelte...opinabili! (09/07/2016 - 12:39) letto 2367 volte
Read 27 maggio-iniziativa con Paolo Maddalena e altre iniziative comitati referendari Parma + news (21/05/2016 - 17:08) letto 2798 volte
Read 4-5 maggio- anche alla Scuola Corazza si protesta contro INVALSI e L.107 (06/05/2016 - 03:58) letto 2493 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Ultimissime.png
 
Calendario
Data: 22/03/2023
Ora: 13:21
« Marzo 2023 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
 
Login





Choose your language:
deutsch english espaol franais italiano portugus
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template