flat nuke

Interviste Video su Prove Invalsi

video.pngLa protesta dei genitori dell'Iqbal Masih: nel giorno della prova d'Italiano sono a scuola 1 o 2 bambini per classe. Si può fare... Fico Paola
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-801b5aec-28ee-43ec-a122-ec0af96148b3-tg3.html#p=0

Se bisogna credere alla notizia pubblicata dalla Stampa di ieri che quantificava in 21 in TIR stivati delle cartacce dell'Invalsi direi che questo sperpero di carta aggiunge, se ce ne fosse bisogno, un tassello in più alle ragioni per dire NO. Ma almeno qui in Emilia l'impressione è che la strategia dell'ordine di servizio minacciato dai Dirigenti abbia piegato quasi tutte le proteste.
Mi sembra importante però essere consapevoli che il vero rischio di queste prove è tutto culturale: gli ultimi segnali di Tremonti lasciano intendere che alla fine si troveranno i soldi per pagare ispettori esterni che somministrino le prove e qualche insegnante tirerà anche un sospiro di sollievo. Ma si potrebbe rivelare una vittoria di Pirro come quando venne abolita la leva militare...certo non si fa più la naja ma nell'ottica pacifista abbiamo un esercito di mercenari pagati per fare macelli ovunque alla faccia dell'art.11 della Costituzione. La stessa cosa potrebbe accadere con questi rompicapo da settimana enigmistica che i nostri cervelloni si inventano nello splendido scenario della cinquecentesca Villa Falconieri. Già l'importanza sede dovrebbe insospettire: questo diventerà un centro essenziale della "cultura" italiana. Basterà legare alle prove Infalsi un meccanismo premiale come già annunciato per le scuole o anche per gli insegnanti e il gioco sarà fatto...programmi, valutazione, didattica, in poche parole tutta la scuola italiana passerà da lì...ma allora temo che sarà troppo tardi per protestare e il Maelstrom ci avrà già inghiottito! Ancora una volta quindi la guerra sarà dura ma la pace sarà durissima...
saluti
miha



LUCA RICOLFI

Le scuole di ogni ordine e grado sono in subbuglio. Il ministro Gelmini è riuscita (finalmente?) a far partire una prima massiccia ondata di test di apprendimento, i cosiddetti test invalsi, non solo nelle scuole elementari e medie inferiori, ma quest'anno per la prima volta anche nelle scuole superiori. Una parte degli studenti e dei docenti si sta ribellando, con gli argomenti più svariati. Ad esempio: i test sarebbero «una premessa alla valutazione e gerarchizzazione retributiva dei docenti» (tradotto: pagare meglio gli insegnanti ritenuti più bravi). Oppure: i test sono dannosi emotivamente (provocano «stress da quiz»). Oppure: violano la privacy, perché le prove non sono anonime. E ancora: sono un fallimento scientifico, trasformano dall'interno lo statuto delle discipline, esasperano la competizione, non misurano la buona didattica, trascurano i disabili, eccetera eccetera. Un vero e proprio fuoco di sbarramento ha accolto il decollo dei test, che nei prossimi giorni dovrebbero coinvolgere qualcosa come 100 mila classi e 2 milioni di alunni.

Insomma: il mondo della scuola ha paura dei test. Non è una novità e non è una prerogativa della scuola. E' sempre stato così, in Italia. Il sistema è abituato agli automatismi di carriera e all'appiattimento delle ricompense un po' in tutti i campi: scuola, università, magistratura, burocrazia.

Appena qualcuno, timidamente, prova a introdurre elementi di apertura e di meritocrazia si assiste immediatamente a una levata di scudi. E questo succede non solo quando il governo è di destra, ma persino quando è un governo amico: ricordate il «concorsone» per gli insegnanti voluto da Berlinguer, ai tempi del centro-sinistra? Il ministro fu travolto (e costretto alle dimissioni) dalla sua stessa base, incautamente toccata nell'interesse più caro: una carriera blindata, ermeticamente protetta dalla concorrenza dei nuovi venuti.

Insomma, il nucleo politico essenziale di questa protesta è il solito: la paura della meritocrazia, e il conseguente rifiuto di ogni forma di controllo dei risultati del proprio lavoro. Un'opposizione la cui ispirazione fondamentale è corporativa e conservatrice. Il fatto che i motivi dominanti della protesta siano essenzialmente autodifensivi, tuttavia, non significa che tutte le perplessità sollevate dagli insegnanti siano irragionevoli. Né che una parte dell'opposizione ai test non possa riflettere anche genuine preoccupazioni per il futuro della scuola. A costo di fornire io stesso altra benzina a una protesta di cui non condivido lo spirito, vorrei richiamare almeno quattro criticità dei test.

Primo. Il Ministero non ha mai chiarito (probabilmente perché non lo sa ancora) fino a che punto i risultati degli allievi ai test saranno usati per premiare in termini economici le singole scuole e i singoli insegnanti. Esistono gli strumenti statistici per farlo in modo appropriato, ma ci sono anche gravi insidie in un simile uso dei test, prima fra tutte il fatto che la precisione dei test (molto alta quando si confrontano regioni o province) può divenire piuttosto bassa quando si valuta la singola scuola, la singola classe, o il singolo allievo. Una valutazione dei singoli insegnanti mediante il loro «valore aggiunto conoscitivo» (ossia sui progressi dei loro allievi) si può fare, ma è dubbio possa raggiungere una precisione sufficiente a regolare stipendi e carriere.

Secondo. Per risparmiare il Ministero ha scelto di far somministrare la stragrande maggioranza delle prove direttamente agli insegnanti, anziché a personale specializzato dell'Invalsi. L'esperienza passata ha mostrato in modo incontrovertibile che questa pratica produce risultati distorti, perché una parte degli insegnanti (specie nel Mezzogiorno, ma anche in alcune regioni del centro-Nord) aiuta gli allievi a compilare il test, con la conseguenza di assegnare vantaggi e svantaggi indebiti agli allievi, non tutti così fortunati da avere un insegnante complice. Le «correzioni» matematico-statistiche adottate per tenere conto di questo effetto possono anche funzionare a livelli molto aggregati (per una regione), ma sono pericolose e potenzialmente inique a livello individuale.

Terzo. I test, non solo in Italia ma in tutta Europa, tendono a valutare capacità diverse da quelle che una buona scuola dovrebbe fornire, e comunque non corrispondenti a ciò che gli insegnanti trasmettono. Nel successo ai test oggi in voga pesano troppo la velocità mentale e troppo poco capacità come ragionamento, astrazione, organizzazione mentale, sensibilità estetica, senso critico.

Quarto. L'introduzione massiccia dei test produce una gravissima distorsione nel comportamento degli insegnanti, nonché differenze ingiustificate fra gli allievi. Alcuni insegnanti rinunciano a importanti contenuti del loro insegnamento per concentrarsi nella preparazione ai test, divenendo allenatori dei propri studenti. Altri insegnanti si rifiutano di fare gli allenatori, ma in questo modo mettono a rischio la prestazione dei loro allievi ai test, con conseguenze paradossali: tendenzialmente un allievo di un insegnante «normale» saprà più matematica e italiano dell'allievo di un insegnante-allenatore, ma in compenso andrà peggio ai test.

Quest'ultimo effetto dei test è a mio parere il più deleterio, ed è drammaticamente rinforzato dal fatto che - come già succede all'università da quando esistono i test di ingresso - nei mesi precedenti al test girino «manuali di allenamento» (i cosiddetti Alpha Test) con esempi di domande analoghe a quelle che verranno somministrate nelle prove reali. In prospettiva, quel che si delinea è una vera e propria mutazione delle materie, che - come ha documentato Giorgio Israel per il caso della matematica in Finlandia (Il Foglio, 23 aprile 2011) - sono tentate di evolvere per compiacere i test: non si fa la matematica che serve a diventare un buon matematico, ma si stravolge il contenuto della matematica per agevolare il superamento dei test.

Chi avesse qualche dubbio al riguardo può consultare i libri di preparazione alle prova di lettura (italiano) per rendersi conto che la mutazione è già in atto anche da noi: nelle domande che dovrebbero saggiare la cultura, la capacità di comprensione, la ricchezza lessicale, la finezza argomentativa, compaiono esercizi di problem solving come mettere i simboletti delle nuvole e del sole in una cartina dato un testo di previsioni atmosferiche, usare una piantina di Roma per andare a un concerto allo Stadio Flaminio, e simili amenità forse umilianti per un ragazzo di quindici anni.

Quel che sta succedendo sotto i nostri occhi è che i contenuti dell'insegnamento cambiano non perché qualcuno l'ha deciso consapevolmente e se ne è assunto la responsabilità, ma semplicemente per inseguire la logica dei test. Questo è molto pericoloso: ci sono capacità che in un test sono difficili o impossibili da accertare, ma non per questo meritano meno attenzione nella formazione di un ragazzo.

Ecco perché la protesta degli insegnanti non può essere liquidata con un'alzata di spalle. Nei termini in cui stanno prendendo piede nella scuola italiana, i test rischiano di accelerare lo svuotamento e la banalizzazione dei contenuti dello studio, già in atto da molti anni. Ma basta leggere i documenti e i volantini che circolano in questi giorni, per rendersi conto che la protesta degli insegnanti ha ben altre preoccupazioni. E' un peccato. La scuola italiana avrebbe bisogno di una vigorosa protesta degli insegnanti. Ma non di questa protesta. Perché il vero male della scuola non sono i tagli economici di questi anni, o i timidi tentativi di premiare gli insegnanti migliori, ma i tagli culturali di decenni e decenni. Una vicenda in cui troppi insegnanti (e genitori) non sono stati vittime ma protagonisti.
Pubblicato Domenica 15 Maggio 2011 - 10:50 (letto 3427 volte)
Comment Commenti (11) Print Stampa

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 14:04

modest evening dresses modest evening dresses Mariah white party dresses white party dresses

avatarDa: Megan Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 16:29

cheap fake watches cheap fake watches, baker, fake omega fake omega

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 17:53

fake watches fake watches, rodney, fake omega fake omega

avatarDa: Samantha Data: Sabato 30 Giugno 2012 - 03:10

that;s going to take location: 2012 tea length wedding dress . 1 for the wedding event and secondly for the winter holydays.There are lots of gorgeous winter themed wedding dress style that 1 can select from, depending on just how much skin is willing to cover a line wedding dresses . .In general, winter brides are selecting a full floor length ball gown wedding dress produced in a much more contemporary style, with ¾ sleeves or illusion sleeves.In the event you really dislike the concept of wearing a sleeved wedding dress, you can attempt some thing much more comfy, like a covering bolero with cap sleeves or maybe a fur coat, a hooded cape replica seiko, lace wrap fake rolex for sale, a shawl or maybe a matching jacket a line wedding dress . .Winter will be the finest time of year to wear a innocent stunning white wedding dress.A red winter wedding dress may also make an outstanding option for those who;re preparing a Christmas

avatarDa: Samantha Data: Martedi 24 Luglio 2012 - 14:37

cleanup mainly because the technologies utilized within the style indicates you require no shaving cream to obtain a easy shave with out requiring a sink and operating h2o. No extra cream, foam, gel, rolex classic women fake . dripping brush, rolex fake . or watery mess to contend with as these razors don,t have to provide you with a near and clear shave. Norelco razors use a battery and are cordless, however they also perform immediately when plugged into an electrical outlet. The cordless function of those electrical shavers is what helps make them so handy, and indicates you are able to even shave whilst within the auto driving to function. Norelco razors possess a battery backup function for your instances whenever you are away from residence, tag heuer watches men . plus they also possess a battery indicator light that provides you an alert once

avatarDa: Leonard Data: Mercoledi 25 Luglio 2012 - 08:57

replica rolex watches for sale replica rolex watches for sale, Melanie, replica rolex geneva

avatarDa: Leonard Data: Martedi 11 Settembre 2012 - 16:04

replica rolex watches for sale replica rolex watches for sale, clive, replica rolex perpetual date

avatarDa: samanth8a Data: Giovedi 18 Ottobre 2012 - 04:51

semi formal dresses semi formal dresses

avatarDa: samanth8a Data: Martedi 23 Ottobre 2012 - 05:40

fake rolex watches fake rolex watches

avatarDa: samanth8a Data: Venerdi 14 Dicembre 2012 - 07:35

pirate costumes pirate costumes Alvaro plus size halloween costumes plus size halloween costumes

avatarDa: Megan Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 10:10

designer brautkleider designer brautkleider, Maria, brautkleider kurze brautkleider kurze



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Parma NO (04/12/2016 - 09:24) letto 2812 volte
Read Video intervento Raniero La Valle a Parma- 19 novembre- La verit del Referendum (20/11/2016 - 04:32) letto 2701 volte
Read Un video molto simpatico per il NO e incontro 19 novembre Raniero La Valle a Parma (16/11/2016 - 21:02) letto 2567 volte
Read Video assemblea 20 aprile- Parma (24/04/2016 - 22:28) letto 2353 volte
Read I video Cobas No INVALSI (24/04/2016 - 17:41) letto 2100 volte
Read Gli spot di Rattigan sui quesiti referendari (15/04/2016 - 07:13) letto 2104 volte
Read Il maestro Giordano risponde al maestro Matteo....che racconta qualche bugia.... (15/05/2015 - 09:59) letto 4795 volte
Read Il videomessaggio per i parlamentari PD e il loro comunicato stampa (07/05/2015 - 02:13) letto 2983 volte
Read Video spot sciopero 5 maggio (26/04/2015 - 22:47) letto 2565 volte
Read Le audizioni LIP in Commissione congiunta Cultura (11/04/2015 - 21:56) letto 2681 volte
Read Confronto LIP- documento Governo Buona Scuola- un bellissimo intervento di Marta Gatti di Retescuole Milano (15/11/2014 - 20:06) letto 3626 volte
Read Don Milani e la libert della lingua in un documentario di Tullio De Mauro (03/01/2013 - 18:51) letto 4566 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
video.png
 
Calendario
Data: 13/07/2024
Ora: 11:40
« Luglio 2024 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
 
Login





Choose your language:
deutsch english espaol franais italiano portugus
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template