flat nuke

Giacomo Russo ad Annozero incalza Tremonti

video.pnghttp://www.youtube.com/watch?v=csyeHJbLGJY
Se qualcuno non avesse visto come Giacomo Russo ha (finalmente) parlato a Tremonti, vi invio il link di you tube.

----------------------------------------------------------



 

Generazione Zero, Giacomo Russo incalza Tremonti a telecamere spente nello studio di AnnozeroRischi fatali. Il titolo della puntata di Annozero di giovedý, dedicata alle conseguenze della crisi maghrebina, alla globalizzazione e all'impoverimento dell'occidente, cade a pennello sulla testa di uno degli ospiti, il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Per lui il rischio fatale non Ŕ stato, durante la trasmissione, il contraddittorio con un redivivo Fausto Bertinotti, il severo Eugenio Scalfari e Ferruccio de Bortoli. Il rischio Ŕ arrivato a fine puntata nella persona di Giacomo Russo, palermitano precario della scuola che ad agosto era finito all'ospedale dopo uno sciopero della fame di 15 giorni contro i tagli all'istruzione. Russo, ospite di Generazione zero e intervistato da Giulia Innocenzi, a Tremonti non le aveva mandate a dire: "╚ lei il ministro dell'Istruzione, lo abbiamo capito tutti".

Le decisioni di Mariastellla Gelmini, insomma, sono una conseguenza delle forbici. E a proposito di crisi, Russo rincara: "Prima era povero chi non lavorava, oggi anche chi lavora. Produciamo di più, lavoriamo di più e guadagniamo meno". E rivolto a Tremonti: "In un paese migliore non ci sarà posto per i suoi privilegi". Se Bertinotti, rinvigorito dall'impeto del giovane, dice che la rabbia del 30enne precario è "un'energia per il paese", il ministro non risponde all'intervento perché "personale e violento". Ma, aggiunge, "in termini meno aggressivi, le risponderei volentieri".

Il momento è arrivato prima del previsto. A sipario calato, appena spente le telecamere, il ministro e Russo iniziano il match. Russo, circondato dagli altri ragazzi della "generazione" perduta, resta sul balcone dello studio. Tremonti, per mezz'ora, lo guarda dal basso all'alto, appoggiato alla balaustra della scenografia. "Sono tre anni che protestiamo - esordisce Russo - occupiamo provveditorati e non vi degnate nemmeno di vederci". Russo incalza, non lascia tregua. Tremonti balbetta: "Mi sembra la qualunque di sinistra". Russo parla con la foga di chi, finalmente, può rivolgersi a chi in teoria dovrebbe ascoltarlo sempre. E allora il ministro è in difficoltà: "Posso.?", gli chiede. Alla fine Tremonti sbotta, infondendo un insegnamento di vita: "Alla mia età, posso dirlo: non esiste uno che ha tutte le ragioni! Cazzarola! Questo modo di fare è totalmente intollerante: devi capire anche le ragioni degli altri. Devi chiederti cosa è successo in questi vent'anni". Interviene un altro ragazzo: "Sì, ma lei, pensa di aver fatto il massimo?". Sì. "In coscienza - si confessa Tremonti - ho fatto tutto quel che potevo". Al che, il precario Giacomo si arrabbia sul serio. "Il centrodestra, negli ultimi 17 anni, ha governato la maggior parte del tempo. La Corte dei conti dice che in Italia la corruzione raggiunge i 65 miliardi di euro. Ma se uno che è al governo non è capace di fare qualcosa! E non dico totalmente, ma almeno di dire: rubate la metà! Ma mi rendo conto che ho più interesse di lei a risolvere il problema: ho 30 anni, secondo le statistiche devo vivere in questo paese quasi altri 50 anni. Mentre lei vive in un ambiente ovattato e ha più anni di me". E Giacomo snocciola i dati sui tagli firmati Gelmini. Centocinquantamila stabilizzazioni accantonate, sei miliardi in meno in tre anni università escluse. Tremonti scuote la testa: "No, non è così". E Giacomo: "Allora com'è che io sono disoccupato?". "Ma tu, da quando sei disoccupato", gli chiede il ministro. "Da quando voi siete al governo" risponde il precario. Al che Tremonti fa per andarsene borbottando ah, ecco. "Se vuole le porto i contratti di lavoro".

Tremonti ci ripensa: "Posso parlare?". E Russo va avanti, a raffica: "Perché non mettete il reddito minimo garantito? C'è in Francia, Germania, Spagna". Tremonti continua a fare "no, no" con la testa. Giacomo, quasi impietosito, gli lascia la parola. "In molti paesi d'Europa non ci sono gli assegni alle famiglie che esistono in Italia - spiega il ministro, illustrando l'amore italico per il focolare domestico - Poi uno può dire: invece di dare l'assegno al genitore, è meglio darlo al figlio. Da noi la scelta è sempre stata di usare la famiglia come ammortizzatore". Russo non è per niente convinto: "Allora com'è che vedo ragazzi che, una volta scaduta la disoccupazione, non hanno nessuno che li aiuti?". Tremonti è all'angolo. Non gli resta che appellarsi agli usi consolidati: "Non il governo ma la Repubblica italiana ha una spesa sociale enorme. Puoi dire che deve essere diversa, ma è altissima". E anche Russo alza il tiro: "Di vita ne abbiamo una sola. La produttività ha senso se produce benessere collettivo, ma se produce malessere collettivo, non ha senso. Noi vogliamo la vita. Vogliamo innamorarci! Ha capito cosa intendo?". Tremonti, ironico: "Vagamente, il monopolio dell'intelligenza ce l'hai tu. Io sono disumano e tu sei umano. Tu sei intelligente, io sono un pirla". Prosaicamente, i massimi sistemi sono interrotti da un tecnico: s'è fatta l'ora. Gli studi devono chiudere. Tempo scaduto. Il ministro si è salvato.

(Di Elisa Battistini, il Fatto Quotidiano sabato 12 marzo 2011)


...E poi c'è la vita vera


Di Linda Gianguzzi

Ieri sera solito giovedì sera: cena veloce, pigiama e a letto a guardare uno dei due unici programmi per i quali valga ancora la pena di tenere in casa queste inutili scatole, sempre più impolverate, piene di falsità, tarocchi, e volgarità che per fortuna interessano sempre meno alla mia famiglia.

Annozero e Ballarò però mi piacciono, sono molto utili, conciliano il sonno.

Si, perché mi piace guardarli, un poco, mentre mettono in scena il solito siparietto antisilvio, simpatico e divertente, la prima mezz'ora, ma poi come succede con il solito vecchio film, che dopo 2 scene hai già capito chi è il protagonista, la trama, eventuali colpi di scena e la fine, finisco sempre per addormentarmi.

Ieri però devo dire che Santoro mi ha stupito, mi ha lasciato veramente a bocca aperta.

Infatti dopo due ore di supercazzola con scappellamento a destra, di dissertazioni sui massimi sistemi, in cui ci si ostinava a capire se il "cotrapino" fosse un videogame, o il "sarchiapone" causa, inizio o fine della crisi economica, ,tempo in cui giuro, lo ammetto, ho rimpianto Ruby e persino la Santanchè, (qualsiasi cosa purchè venissi liberata da quel supplizio), sono stata abbondantemente ripagata.

Sapevo, che non era solo la cipolla della frittata a tenermi sveglia!

Era la vita che faceva il messaggio cardiaco a noi telespettatori, a colpi brevi, ma secchi ed incisivi, mentre Il Barone Fifì chiacchierava con la Il Marchese del Grillo: massima espressione di una sinistra stanca, fuori dai giochi e lontana oltre che dalla vita politica anche dalle piazze, ma a cui bisogna riconoscere il merito di ricordarsi ogni tanto di diritti, lavoratori, e giovani.

Una vita fatta di emozioni: la solidarietà degli operatori umanitari in Libia che raccontavano con una semplicità sconcertante cosa c'era da fare per risolvere la questione degli immigrati: aiutarli a rimanere nei loro paesi.

La sofferenza e la paura di una famiglia che raccontava cosa vuol dire vivere la crisi.

Lo scoramento e la dignità della giovane imprenditrice che in due semplici parole dava la più grossa, semplice e seria lezione di economia mai sentita in vita mia: "cerchiamo soluzioni, ma non possiamo tagliare sui posti di lavoro".

E infine la rabbia autentica, vera, la forza della verità, della dignità, della ragione che ha dato un senso a tutto quel supplizio di noia.

La rabbia di Giacomo Russo, che dopo due anni di piazze, dormite in tenda, scioperi della fame, ha dovuto subire anche la beffa di dovere ascoltare in silenzio quella politica autoreferenziale che si è sempre rifiutata di parlare con lui.

Quella che, come ieri. riesce a togliere alla parola qualsiasi valore comunicativo, ma la usa come strumento da Azzeccagarbugli per creare un muro, tra loro e noi.

Per poi avere per se un minuto, un solo minuto in cui ha parlato di famiglie, di salari, di scuola, di crisi, di tagli di lavoro, molto più di quanto abbia fatto il governo in tre anni.

Un minuto che ha dato un senso a tutta una trasmissione, tranne pochi interventi interessanti.

Un minuto cui non c'era certo tempo per i "preliminari": l'unico colpo che aveva a disposizione doveva essere tirato forte e dritto in faccia.

Doveva mettere la politica che non governa per il cittadino, ma a prescindere da questi, nella condizione di rispondere con argomenti se ne aveva.

Ed è chiaro che non ne ha avuti, e il solito giochetto del "non rispondo perché sono offeso" è risultato più finto che mai tradito dallo sguardo basso e sfuggente.

La rabbia di chi da 2 anni combatte per un futuro migliore per se e per un'Italia che merita molto di più: "dei conti in ordine" ottenuti attraverso i tagli dei servizi.

La sfida del buon politico non è questa: è trovare soluzioni senza che a pagare siano i cittadini.

Per questo prendono voti, e vivono in una posizione di indubbio privilegio, tanto onere tanto onore.

Perché i nostri conti non sono in ordine affatto, perché a noi del Pil non ce ne frega niente, noi cerchiamo lavoro, istruzione, speranze e futuro per i nostri giovani e per i nostri figli.

Noi cerchiamo che almeno sul servizio pubblico, si parli due ore di scuola, di famiglia e di lavoro e che siano persone come Giacomo a farlo, con calma, con tutto il tempo a disposizione per poter portare avanti tutte le argomentazioni che possiede.

Affinchè per una volta almeno, in un confronto pubblico vengano date le risposte di cui noi cittadini abbiamo bisogno, da chi da sempre elude le domande, protetto da chi non ci permette di porgerle.
Pubblicato Domenica 13 Marzo 2011 - 19:44 (letto 4000 volte)
Comment Commenti (12) Print Stampa

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 11:16

cheap evening dress cheap evening dress cook cheap beach wedding gowns cheap beach wedding gowns

avatarDa: Megan Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 13:35

replicawatches replicawatches, owen, fake omega watches fake omega watches

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 15:08

fake watches fake watches, jackson, fake tag heuer fake tag heuer

avatarDa: Samantha Data: Sabato 30 Giugno 2012 - 03:12

cleanup mainly because the technologies utilized within the style indicates you require no shaving cream to obtain a easy shave with out requiring a sink and operating h2o. No extra cream amazing wedding dresses . , foam, a line wedding dresses with straps . gel, dripping brush, or watery mess to contend with as these razors don 2012 prom dresses . ,t have to provide you with a near and clear shave. Norelco razors use a battery and are cordless, however they also perform immediately when plugged into an electrical outlet. The cordless function of those electrical shavers is what helps make them so handy, and indicates you are able to even shave whilst within the auto driving to function. Norelco razors possess a battery backup function for your instances whenever you are away from residence, plus they also possess a battery indicator light that provides you an alert once

avatarDa: Samantha Data: Sabato 30 Giugno 2012 - 03:13

black bridesmaid dresses . or steel, but also offer three different dial colors that represent different moods we give to the moon 8211; or at least the views we see of it. There is always the gray-silver moon we see, but there is also the white barren moon, and the dark light-less moon. Each of these,moods,is represented in one of these colors. If you don,t buy that,mood,langauge, then this is a way of having a few different color options 8211; fair enough. a line wedding dresses . The actual moon surface on this watch is refined a bit (over the original Moon Dust DNA line) 8211; made too look a bit more,dry,and somber. 2012 elegant ball gowns . With cracked surfaces and more realistic shading. There are no browns really on the moon as was a major color of the original watches (still less than a year old). Much of the inside of the watch and the case is the same

avatarDa: Samantha Data: Martedi 24 Luglio 2012 - 14:40

or steel, but also offer three different dial colors that represent different moods we give to the moon 8211; or at least the views we see of it. There is always the gray-silver moon we see, but there is also the white barren moon, and the dark light-less moon. Each of these,moods,is represented in one of these colors. buy rolex . If you don,t buy that,mood,langauge, replica panerai . then this is a way of having a few different color options 8211; fair enough. cartier . The actual moon surface on this watch is refined a bit (over the original Moon Dust DNA line) 8211; made too look a bit more,dry,and somber. With cracked surfaces and more realistic shading. There are no browns really on the moon as was a major color of the original watches (still less than a year old). Much of the inside of the watch and the case is the same

avatarDa: Leonard Data: Mercoledi 25 Luglio 2012 - 08:56

fake rolex fake rolex, fergus, custom rolex

avatarDa: Leonard Data: Martedi 11 Settembre 2012 - 16:02

fake rolex fake rolex, clive, replica rolex 455b

avatarDa: samanth8a Data: Giovedi 18 Ottobre 2012 - 04:23

cheap wedding dresses cheap wedding dresses

avatarDa: samanth8a Data: Martedi 23 Ottobre 2012 - 04:45

fake rolex watches fake rolex watches Kent replica panerai replica panerai

avatarDa: samanth8a Data: Venerdi 14 Dicembre 2012 - 05:18

halloween costumes 2013 halloween costumes 2013 Sebastian batman costumes batman costumes

avatarDa: Megan Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 07:20

brautkleider brautkleider, Jack, brautkleider kurze brautkleider kurze



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Parma NO (04/12/2016 - 09:24) letto 2665 volte
Read Video intervento Raniero La Valle a Parma- 19 novembre- La veritÓ del Referendum (20/11/2016 - 04:32) letto 2400 volte
Read Un video molto simpatico per il NO e incontro 19 novembre Raniero La Valle a Parma (16/11/2016 - 21:02) letto 2300 volte
Read Video assemblea 20 aprile- Parma (24/04/2016 - 22:28) letto 2185 volte
Read I video Cobas No INVALSI (24/04/2016 - 17:41) letto 1890 volte
Read Gli spot di Rattigan sui quesiti referendari (15/04/2016 - 07:13) letto 1869 volte
Read Il maestro Giordano risponde al maestro Matteo....che racconta qualche bugia.... (15/05/2015 - 09:59) letto 4364 volte
Read Il videomessaggio per i parlamentari PD e il loro comunicato stampa (07/05/2015 - 02:13) letto 2639 volte
Read Video spot sciopero 5 maggio (26/04/2015 - 22:47) letto 2414 volte
Read Le audizioni LIP in Commissione congiunta Cultura (11/04/2015 - 21:56) letto 2470 volte
Read Confronto LIP- documento Governo Buona Scuola- un bellissimo intervento di Marta Gatti di Retescuole Milano (15/11/2014 - 20:06) letto 3289 volte
Read Don Milani e la libertÓ della lingua in un documentario di Tullio De Mauro (03/01/2013 - 18:51) letto 4205 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
video.png
 
Calendario
Data: 22/09/2023
Ora: 18:14
« Settembre 2023 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
 
Login





Choose your language:
deutsch english espa˝ol franšais italiano portuguŕs
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 3 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template