flat nuke

Mario Lodi maestro

news.png
"Il maestro compie gli anni.
    Domani, 17 febbraio, anche se Mario lo dice
    sottovoce, perché per lui, che va verso i novanta,
    il tempo è forse un grande fiume nel quale continua
    a navigare lento, pieno di ricordi, ma anche di progetti".

    Carlo Ridolfi invece lo dice ad alta voce nell'editoriale,
    da parte di tutti noi della "Casa delle Arti e del Gioco": 
    Buon Compleanno!

 

     Luciana Bertinato


Ad amici, genitori, insegnanti, studenti, educatori
  

La Cascina

News dalla

Casa delle Arti e del Gioco

di MARIO LODI

 

Il primo numero del nuovo anno ci porta una bella novità:

il libro fresco di stampa MARIO LODI maestro

-a cura di Carla Ida Salviati (Giunti)-

con pagine scelte dal celebre "C'è speranza se questo accade al Vho".

Un libro prezioso che disegna la scuola della democrazia

e della Costituzione. Un'altra scuola, una scuola possibile.

 

Grazie dell'attenzione.

Luciana Bertinato



lascuolasiamonoi/misc/file/10_%20Numero%20UNO_2011.pdf



MARIO LODI MAESTRO
Buon compleanno!

A cura di Carla Ida Salviati
MARIO LODI MAESTRO.
Con pagine scelte da C’è speranza se questo accade al Vho.
Giunti Editore
Firenze, 2011

Il maestro compie gli anni. Il 17 febbraio, anche se Mario lo dice sottovoce, perché per lui, che va verso i novanta, il tempo è forse un grande fiume nel quale continua a navigare lento, pieno di ricordi, ma anche di progetti.

Per il compleanno in questo 2011 la sua vita e la sua esperienza regalano, a tutti noi, un bellissimo libro.

Ci sono molte sue foto a scuola: ha insegnato dal 1948 – prima a S.Giovanni in Croce, poi al Vho di Piadena – fino al 1978. Le istantanee scattate in ambiente scolastico lo vedono sempre in mezzo ai suoi ragazzi, seduto a fianco di un bambino mentre lo aiuta nei compiti, in piedi mentre suona il mandolino coi ragazzi che cantano, mai di fronte o, peggio ancora, più in alto degli alunni, sempre alla loro stessa altezza.

Del resto, non era stato proprio Célestin Freinet, alla cui esperienza si rifece quel Movimento di Cooperazione Educativa che Mario incontrò all’inizio degli anni Cinquanta, a smantellare la cattedra per fornire legna alla stufa che doveva riscaldare la sua classe?

Curato - benissimo - da Carla Ida Salviati, studiosa di letteratura ed editoria per la gioventù e direttrice de “La vita scolastica” e di “Scuola dell’infanzia”, il volume raccoglie una scelta di pagine da C’è speranza se questo accade al Vho, il “diario didattico” che il maestro scrisse sui suoi primi anni di insegnamento, pubblicato in origine nel 1963 nella collana “Il Gallo Grande” delle Edizioni Avanti!, di Milano e poi, nel 1972, nella Piccola Biblioteca Einaudi.

A rileggere l’introduzione della edizione einaudiana colpiscono, per una attualità mai venuta meno, le sue parole, quando racconta che:

“Queste pagine di diario descrivono (…) i tentativi di realizzare operativamente, vivendoli socialmente a scuola, alcuni principi alternativi a quelli della scuola autoritaria di classe:

le attività motivate dall’interesse invece che dal voto,
la collaborazione al posto della competizione,
il ricupero invece della selezione,
l’atteggiamento critico invece della ricezione passiva,
la norma che nasce dal basso come esigenza comunitaria invece dell’imposizione della disciplina fondata sul timore”.

Già gli avverbi fanno pensare: “operativamente”, in una scuola che è sempre troppo spesso astratta e teorica; “socialmente”, in ambienti che mirano alla gratificazione individuale, magari a scapito di coloro che non hanno la stessa velocità di apprendimento (e di integrazione ai modelli dominanti).

In quanto ai principi dichiarati, se li mettessimo nella lavagna dei “buoni” e dei “cattivi”, potremmo scoprire, anche con un pizzico di angoscia, che oggi dalla parte del “bene” (sia negli intenti dei provvedimenti ministeriali che nel senso comune che si è andato affermando) stanno il voto, la competizione, la selezione, la ricezione passiva, l’imposizione della disciplina.

La tentazione, in questi casi, è spesso quella di incasellare esperienze come quelle di Mario in un museo del passato, magari apprezzabile ma inesorabilmente superato dallo spirito del tempo, accanto ad altre figure di volonterosi utopisti.

E invece no, perché C’è speranza (e il successivo Il paese sbagliato) è ancor oggi la dimostrazione della applicazione pratica, quotidiana, misurabile e, perché no, riproducibile, dei principi dichiarati nella introduzione. Si tratta, a ben vedere, di una “scienza didattica” che pone le sue basi sull’attenta osservazione degli alunni e dei loro bisogni, sulla sperimentazione della scrittura collettiva (fino alla composizione poetica), sulla destrutturazione persino architettonica e logistica degli spazi scolastici, sull’affidarsi alle infinite risorse che lo scambio incessante di apprendimento reciproco fra alunni e maestro può fornire.

Si legga, ad esempio, il bellissimo capitolo in cui si racconta “Come è la nata la favola vera di Cipì” (libro pubblicato nel 1961, arrivato alla ventiduesima ristampa e tradotto in moltissime lingue). Partendo da quello che altri avrebbero considerato un deleterio momento di distrazione – i ragazzi che anziché ascoltare la lezione stavano ad osservare un gatto che avanzava cautamente sul tetto di fronte – il maestro indirizza quell’esperienza verso l’elaborazione di un testo. Forse il gatto è a caccia di topi. Ma sul tetto ci sono anche e soprattutto gli uccellini. Ed ecco un passero che fa un nido. E un libro meraviglioso prende forma, con mesi di lavoro di tutti.

Si può fare, ancora? Un’altra scuola è possibile? Tutta l’esperienza di Mario Lodi (e di altri, che nel libro vengono ricordati, come Luisa Bigiaretti o Bruno Ciari) lo sta a confermare.

Completano il volume, oltre alla sezione fotografica, una intervista inedita a Mario, nella quale egli richiama alcuni dei punti cardine della sua esperienza, a partire dall’incontro con don Lorenzo Milani e con il MCE; una nota biografica e una accuratissima bibliografia delle sue opere.

E, naturalmente, detto ad alta voce e con tutto l’entusiasmo e i ringraziamenti del caso:
Buon Compleanno!

Carlo RIDOLFI

Pubblicato Martedi 15 Febbraio 2011 - 05:16 (letto 5208 volte)
Comment Commenti (9) Print Stampa

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 11:21

cheap prom dress cheap prom dress Caitlin cheap wedding gowns cheap wedding gowns

avatarDa: Megan Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 13:41

fake watches fake watches, Fernando, fake cartier fake cartier

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 15:13

replica watches for sale replica watches for sale, walker, fake cartier fake cartier

avatarDa: Samantha Data: Sabato 30 Giugno 2012 - 02:52

or steel, but also offer three different dial colors that represent different moods we give to the moon 8211 a line empire waist sweetheart . ; or at least the views we see of it. There is always the gray-silver moon we see, but there is also the white barren moon, 2012 strapless sweetheart wedding dress . a line wedding dresses . and the dark light-less moon. Each of these,moods,is represented in one of these colors. If you don,t buy that,mood,langauge, then this is a way of having a few different color options 8211; fair enough.The actual moon surface on this watch is refined a bit (over the original Moon Dust DNA line) 8211; made too look a bit more,dry,and somber. With cracked surfaces and more realistic shading. There are no browns really on the moon as was a major color of the original watches (still less than a year old). Much of the inside of the watch and the case is the same

avatarDa: Leonard Data: Mercoledi 25 Luglio 2012 - 09:05

replica watches for men replica watches for men, carter, replica rolex watch box

avatarDa: Leonard Data: Martedi 11 Settembre 2012 - 16:10

fake rolex watches for sale fake rolex watches for sale, Caleb, rolex 116233

avatarDa: samanth8a Data: Martedi 23 Ottobre 2012 - 05:55

fake rolex watches fake rolex watches Vargas corum cheap corum cheap

avatarDa: samanth8a Data: Venerdi 14 Dicembre 2012 - 08:01

cheap wigs cheap wigs Bernard pirate costumes pirate costumes

avatarDa: Megan Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 07:24

gebraucht brautkleider gebraucht brautkleider, Natalie, brautkleider für schwangere brautkleider für schwangere



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Fedeli...ai paradossi (05/03/2017 - 14:09) letto 2457 volte
Read Quelli che.il giorno dopo. (08/12/2016 - 13:11) letto 2468 volte
Read La politica che ha il dovere di decidere (anche per noi) (04/12/2016 - 14:11) letto 2366 volte
Read Quando le parole mancano.... (11/10/2016 - 13:14) letto 2053 volte
Read Da che parte sta la Cisl? (09/09/2016 - 15:43) letto 2365 volte
Read Ubriacature e scelte....su cui ripensare (15/08/2016 - 21:51) letto 2285 volte
Read Un Dirigente scolastico sul Bonus Merito- forse emerge qualche problema? (30/07/2016 - 17:05) letto 2638 volte
Read Risposta alla lettera-opinione del Dirigente Eramo su "L'esame di terza media va cambiato" (25/07/2016 - 15:42) letto 2300 volte
Read Conferenza stampa Campagna referendum Sociali-Parma (15/07/2016 - 18:56) letto 2263 volte
Read Organici 16-17: Il gioco delle tre carte (25/05/2016 - 08:30) letto 2513 volte
Read Lettera alla Gazzetta di Parma su organico funzionale- mai pubblicata (24/12/2015 - 07:02) letto 3023 volte
Read Corteo 17 novembre (25/11/2015 - 10:12) letto 2531 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
news.png
 
Calendario
Data: 22/09/2023
Ora: 16:48
« Settembre 2023 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
 
Login





Choose your language:
deutsch english espaol franais italiano portugus
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template