flat nuke

Per l'INVALSI la disabilitÓ Ŕ "invisibile"

Ultimissime.png

L’Invalsi non vuole alunni disabili in classe

Pubblicato da comitatonogelmini su 7 maggio 2011

FIRMA E FAI FIRMARE!!!
di Massimiliano Tagliente
7 maggio 2011

 

Dopo aver preso in ostaggio la Scuola pubblica italiana (ciò che ne rimane) per quattro giorni consecutivi (quest’anno dal 10 al 13 Maggio); dopo aver persuaso i suoi docenti e le sue docenti (una parte significativa di loro) a interrompere il proprio lavoro per giocare (ancora) al FACCIAMOCI DEL MALE; dopo aver spacciato – per il tramite dell’Istituzione scolastica – per obbligatorie le attività di somministrazione e correzione dei propri test; dopo aver investigato tra gli scaffali e i conti correnti delle famiglie; dopo questi ed altri numeri di illusionismo, la banda dell’INVALSI (in associazione coi loro “pali” al Ministero) ha assestato un altro brillante colpo al diritto all’istruzione: ha affermato (dopo decenni di scuola dell’inclusione) la secondarietà di alcuni alunni e alunne rispetto ad altri/e. “Le prove personalizzate non devono essere inviate all’INVALSI, né, tantomeno, i dati a esse relativi”, e dunque: “Fuori gli/le insegnanti di sostegno! Fuori i bambini e le bambine ‘meno uguali’! O se proprio devono stare dentro, zitti e mosca, e lavorare! E sul loro test ci mettiamo un bel codice di riconoscimento, che non si mescoli con gli altri!”.
Metterla così sembra brutale, ma a leggere la recente nota INVALSI sullo svolgimento delle prove 2010-2011 per gli allievi con bisogni educativi speciali, la si può mettere solo peggio- (clicca qui).



Dopo che la cattiva coscienza ha suggerito agli estensori di tale documento di disseminare il testo di ipocrisie benaugurali come “la più larga inclusione possibile” e simili, subito in Premessa si scrive che “le prove SNV […] non sono finalizzate alla valutazione individuale degli alunni, ma al monitoraggio dei livelli di apprendimento conseguiti dal sistema scolastico, nel suo insieme e nelle sue articolazioni.” Il che equivale a dire più o meno: non vi preoccupate, non ci interessano i livelli di apprendimento di alunni e alunne con disabilità o DSA, e non ci interessa nemmeno come il sistema scolastico ha lavorato con loro.

Occorre ricordare che l’ammissione di alunni e alunne ai test è una decisione che l’INVALSI rimette alla dirigenza scolastica, lavandosene le mani, non accennando neppure a consigli di classe o a gruppi operativi che pure avrebbero tutti gli elementi necessari per prendere decisioni in merito. Per l’INVALSI “la valutazione del singolo caso può essere effettuata in modo soddisfacente solo dal Dirigente scolastico”.

A breve distanza nel testo, con un refrain che ricorre con insistenza paranoica, si giustifica un simile approccio separatista richiamando l’attenzione sulla necessità di “consentire il rispetto del protocollo di somministrazione delle prove, garanzia della loro affidabilità e attendibilità”. L’individualizzazione del percorso educativo deve cedere il passo al principio di standardizzazione, l’insegnante di sostegno deve interrompere il proprio servizio, tutte le buone prassi educative della nostra scuola devono impallidire e adattarsi all’ospite INVALSI, al suo protocollo e ai suoi complessi di attendibilità.

Si dirà che l’insegnante di sostegno può sempre portare l’alunno o l’alunna in un’altra aula (se ce ne sarà una libera) e lì mettere in pratica quei normali strumenti dispensativi che invece l’INVALSI vieta di adoperare in classe durante le prove (leggere a voce alta il testo del quiz, ad esempio).
La richiesta, di per sé assurda, lo è a maggior ragione se è fatta (come in questo caso) da un ospite non invitato che considera plausibile (quando non auspicabile o persino obbligatorio) ciò che nella quotidianità della vita scolastica non accade mai: che un alunno o una alunna escano dalla classe in quanto “incompatibili” con un protocollo.

Poca retorica: non possiamo non pensare a quel che potrebbe accadere nei prossimi giorni di test ad alunne e alunni normalmente seguiti da insegnanti di sostegno. Di colpo subiranno una sospensione delle regole. Se dovessero protestare, come è loro diritto, cosa gli racconteremo? Se pretenderanno di restare in classe anche loro, come è loro diritto; se, come i loro compagni e le loro compagne, vorranno avere tra le mani uno di questi magici fascicoli in grado di far diventare grandi i piccini e piccoli i grandi, come ci comporteremo? E poi, come e a che prezzo gestiranno la loro frustrazione quando dovremo accompagnarli fuori? E se invece faranno la prova da soli in classe, chi li risarcirà per l’ansia e la fatica di un test che viene loro presentato come “importantissimo” e che dovranno affrontare senza il sostegno a cui hanno diritto?

La prossima settimana, in occasione delle prove non obbligatorie dell’INVALSI, pretendiamo che alunni e alunne restino in classe a fare scuola vera, pretendiamo di svolgere a pieno la nostra funzione di insegnanti di sostegno (insegnanti dell’intera classe) e pretendiamo infine che ogni richiesta di venir meno ai nostri obblighi di servizio ci venga messa per iscritto. Così facendo tuteleremo i nostri diritti di lavoratori e quelli all’istruzione di alunni e alunne del nostro sistema scolastico. Per i medesimi motivi rimandiamo al mittente tutti i tentavi che in questi giorni vengono compiuti di precettare gli insegnanti e le insegnanti di sostegno per la correzione delle prove INVALSI; ribadiamo che siamo pienamente consapevoli che queste prove sono un abuso didattico e che non sussiste alcuna obbligatorietà; difendiamo la nostra dignità davanti a quei dirigenti scolastici che l’hanno oramai perduta arrivando a promettere (spesso sapendo di non poter mantenere tali promesse) denaro del FIS che sarebbe illegittimo (oltre che meschino) usare in questo modo.

 FIRMA LA PETIZIONE ON LINE

Non è il primo anno che i disabili sono esclusi ... ben venga che il
movimento dei genitori se ne è accorto. vorrei sottolineare che la
valutazione invalsi non tiene conto del fatto che lo studente
"normale" inserito in una classe con uno studente o più disabili,
riceverà insegnamenti diversi rispetto ad altre classi senza disabili.
l'insegnante curriculare si soffermerà in modo diverso su alcuni
aspetti del programma per "aspettare" il disabile, l'insegnante di
sostegno, che non è un "aio" privato, è un docente a tutti gli effetti
della classe e pertanto gli studenti avranno una figura in più, spesso
positiva, a volte negativa, rispetto a classi senza disabili. uno
studente normale sarà diverso perciò se cresciuto in classe con un
disabile, molto diverso da chi non ha avuto questa opportunità. sia se
l'esperienza è positiva che negativa.l'esclusione del disabile nega
tutto questo nella valutazione! una scuola con disabili non è perciò
confrontabile con una dove i disabili non ci sono, sia in italia che
se il confronto avviene con la germania, ove vi sono scuole
differenziate o in spagna ove l'opzione dell'integrazione è accanto a
quella della separazione.
queste considerazioni non le ho mai lette in giro, penso che sia
importante rifletterci sopra.
saluti

giampaolo celani papà di un bambino di 11 anni con la sindrome di Down

dal sito di Superabile " Le scuole potranno scegliere se inserire o meno i
test degli alunni disabili nella media generale e se far loro svolgere il
quiz con i compagni o in un'aula separata con supporti e test
personalizzati. Per il delegato del sindaco di Roma alla disabilità, Antonio
Guidi, le disposizioni rappresentano "una strisciante ricostruzione delle
classi speciali", una "ghettizzazione" che sfocia nella discriminazione. Ma
per il vicepresidente Fish Salvatore Nocera sono regole "equilibrate" e
rispettose "

http://www.superabile.it/web/it/CANALI_TEMATICI/Scuola_e_Formazione/News/info-550915529.html


Maria

 
Pubblicato Domenica 08 Maggio 2011 - 14:47 (letto 2845 volte)
Comment Commenti (11) Print Stampa

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 13:00

vintage prom dresses vintage prom dresses Carson new wedding gowns new wedding gowns

avatarDa: Megan Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 15:25

fake watches for men fake watches for men, Kaitlyn, fake omega watches fake omega watches

avatarDa: Megan Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 16:54

replica watches replica watches, rupert, fake cartier watches fake cartier watches

avatarDa: Samantha Data: Sabato 30 Giugno 2012 - 02:59

2012 tea length wedding dress . that;s going to take location: 1 for the wedding event and secondly for the winter holydays.There are lots of gorgeous winter themed wedding dress style that 1 can select from, depending on just how much skin is willing to cover.In general, winter brides are selecting a full floor length ball gown wedding dress produced in a much more contemporary style, with ├é┬ż sleeves or illusion sleeves.In the event you really dislike the concept of wearing a sleeved wedding dress, you can attempt some thing much more comfy, like a covering bolero with cap sleeves or maybe a fur coat, a hooded cape replica seiko, lace wrap fake rolex for sale, a shawl or maybe a matching jacket.Winter will be the finest time of year to wear a innocent stunning white wedding dress.A red winter wedding dress may also make an outstanding option for those who; a line wedding gowns . best prom dresses 2012 . re preparing a Christmas

avatarDa: Samantha Data: Martedi 24 Luglio 2012 - 14:27

or steel, but also offer three different dial colors that represent different moods we give to the moon 8211; or at least the views we see of it. There is always the gray-silver moon we see fake watches for sale . , but there is also the white barren moon, and the dark light-less moon. Each of these buy fake rolex . ,moods,is represented in one of these colors. If you don,t buy that,mood,langauge, then this is a way of having a few different color options 8211; fair enough.The actual moon surface on this watch is refined a bit (over the original Moon Dust DNA line) 8211; made too look a bit more,dry, fake enicar . and somber. With cracked surfaces and more realistic shading. There are no browns really on the moon as was a major color of the original watches (still less than a year old). Much of the inside of the watch and the case is the same

avatarDa: Leonard Data: Mercoledi 25 Luglio 2012 - 10:03

replica rolex replica rolex, Isaiah, replica rolex sale

avatarDa: Leonard Data: Martedi 11 Settembre 2012 - 16:50

replica rolex watches for sale replica rolex watches for sale, Marissa, buy rolex watch

avatarDa: samanth8a Data: Giovedi 18 Ottobre 2012 - 04:29

strapless dresses strapless dresses Clement mother of bride dress mother of bride dress

avatarDa: samanth8a Data: Martedi 23 Ottobre 2012 - 04:57

replica rolex watches replica rolex watches

avatarDa: samanth8a Data: Venerdi 14 Dicembre 2012 - 05:58

halloween costumes 2012 halloween costumes 2012

avatarDa: Megan Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 09:04

brautkleider fabrikverkauf brautkleider fabrikverkauf, Angelica, [img]http://www.birthdress.net/images/thumbnails/dress-11/MX1705.jpg[/img]



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Petizione sul calendario scolastico Regionale- Emilia Romagna (22/10/2017 - 17:53) letto 1696 volte
Read Lettera della Commissione Audit sul debito del Comune di Parma (26/05/2017 - 02:50) letto 2006 volte
Read Un paio di riflessioni...da lontano (11/04/2017 - 02:42) letto 2181 volte
Read Un saluto.... (29/01/2017 - 10:54) letto 2019 volte
Read Buon Natale "Zen" (24/12/2016 - 17:03) letto 2373 volte
Read PerchŔ non ho pi¨ voglia di ascoltare le sue ragioni...sen. Pagliari (24/10/2016 - 20:46) letto 2046 volte
Read La scuola dice NO- appello da firmare (19/10/2016 - 19:57) letto 2904 volte
Read Sen. Pagliari, vuole venire anche nelle nostre scuole all'inaugurazione del primo giorno di scuola? (13/09/2016 - 17:36) letto 2105 volte
Read Consegnate 515.000 firme per quesito- Referendum Scuola (09/07/2016 - 12:52) letto 2043 volte
Read Il difficile trasloco della Scuola Corazza e le scelte...opinabili! (09/07/2016 - 12:39) letto 2367 volte
Read 27 maggio-iniziativa con Paolo Maddalena e altre iniziative comitati referendari Parma + news (21/05/2016 - 17:08) letto 2798 volte
Read 4-5 maggio- anche alla Scuola Corazza si protesta contro INVALSI e L.107 (06/05/2016 - 03:58) letto 2493 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Ultimissime.png
 
Calendario
Data: 22/03/2023
Ora: 13:10
« Marzo 2023 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
 
Login





Choose your language:
deutsch english espa˝ol franšais italiano portuguŕs
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 3 ospiti
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi
 
Scegli il tema
flatcry_ori flatcryscuola headlinesblue 
Per informazioni clicca qui: E-Mail
Freely inspired to Mollio template